Una settimana senza smartphone, a Prato la prima scuola disconnessa: studenti e prof senza social

Una settimana senza smartphone, ecco la prima scuola disconnessa: studenti e prof senza social

di Lorena Loiacono

Off-line per un'intera settimana, a 15 anni. Sembra impossibile, ma non lo è se la sfida si fa insieme: un'intera scuola resterà infatti disconnessa per disintossicarsi dai social.
Era nato tutto come un gioco, un anno e mezzo fa, quando oltre 40 studenti di due classi dell'Istituto tecnico Dagomari di Prato, nel maggio del 2017, hanno spento i loro smartphone rimanendo sconnessi per una settimana. Li consegnarono tutti al docente che aveva ideato la sfida. E fu un successo insperato.



Ora sono pronti a ripeterlo ma questa volta, al loro fianco, ci sarà tutta la scuola: da lunedì 17 dicembre fino a venerdì 21, infatti, circa 1200 ragazzi e 170 adulti tra docenti e personale scolastico, come bidelli e segretari, resteranno rigorosamente offline nell'orario di scuola, comprese le due ricreazioni. Chi vuole resterà disconnesso per l'intera giornata. I ragazzi che provarono l'astinenza totale da cellulare ora sono al quarto anno e faranno da tutor. Promotore, ancora una volta, sarà il loro professore di economia aziendale: Marcello Contento, che all'epoca fu il primo a consegnare lo smartphone per non usarlo più. Nella prima esperienza ha cercato di coinvolgere i ragazzi, contro la noia, organizzando ad esempio gite a Firenze a Palazzo della Signoria, ma anche nei parchi e in una fattoria biologica. Un gioco serio, quindi. Tanto che verrà ripetuto e allargato a tutti i componenti della scuola.
 
© RIPRODUZIONE RISERVATA

Venerdì 7 Dicembre 2018, 05:01






Condividi su Google+ Commenta
<< CHIUDI
CONDIVIDI LA NOTIZIA
Una settimana senza smartphone, a Prato la prima scuola disconnessa: studenti e prof senza social
CONDIVIDI LA NOTIZIA
DIVENTA FAN
SEGUICI SU TWITTER
COMMENTA LA NOTIZIA
1 di 1 commenti presenti
2018-12-07 17:31:14
Adesso sfoltire un poco di materie o relativi programmi Pico Mirandoliani. BADARE AL SODO.