Riabbraccia i suoi cani in ospedale prima di morire, si avvera il sogno di Elvio

PER APPROFONDIRE: cani, morto, ospedale, visita
Elvio Donattini e i suoi cani (foto dal profilo Facebook dell'Asl di Imola)
«Il Signor Elvio ieri ci ha lasciato, ma siamo lieti di essere riusciti ad esaudire il suo desiderio». Così comincia il post dell'Asl di Imola. Un addio straziante, perché Elvio Donattini, malato terminale, ha chiesto prima di morire di poter trascorrere qualche minuto con Piero e Gilda, i suoi amati cani. E venerdì scorso le bestiole, felicissime, sono venute a salutare il loro padrone in ospedale.



«Ci sono regole e procedure da rispettare - hanno scritto i medici dell'ospedale - ma umanizzare l'ospedale è anche questo e crediamo che debba essere fatto. Grazie agli operatori che si sono impegnati per questo piccolo ma importante gesto, a Maurizia Donattini e ai famigliari di Elvio che ci hanno spronati ed aiutati a fare del nostro meglio».

Gli animali sono entrati con la museruola fino al capezzale del signor Elvio. La famiglia ha espletato tutte le procedure per ottenere il permesso e grazie all'aiuto prezioso di medici e operatori l'ultimo desiderio di Donattini è stato esaudito. Pochi giorni dopo l'uomo è morto. 

«Grazie di tutto anche se ieri ci ha spezzato il cuore - ha scritto sabato su Facebook la figlia, Maurizia Donattini - . Speriamo che tanti altri malati possano provare la stessa emozione che ha provato mio babbo poter avere i suoi cani vicino per un po’ so che lo abbiamo reso tanto felice perché anche loro fanno parte della nostra bella famiglia».

© RIPRODUZIONE RISERVATA

Sabato 26 Gennaio 2019, 16:12






Condividi su Google+ Commenta
<< CHIUDI
CONDIVIDI LA NOTIZIA
Riabbraccia i suoi cani in ospedale prima di morire, si avvera il sogno di Elvio
CONDIVIDI LA NOTIZIA
DIVENTA FAN
SEGUICI SU TWITTER
COMMENTA LA NOTIZIA
5 di 24 commenti presenti
2019-01-27 17:45:37
Splendidi amici, fedeli, generosi. Meravigliosi.
2019-01-27 16:41:13
Io ho fatto la stessa cosa al capezzale di mia mamma che era nelle stesse condizioni del signore di cui parla l'articolo. Di nascosto però. Senza avvisare nessuno. Poi mi sono presa una montagna di parole da tutti. Parenti, personale infermieristico e visitatori di altri pazienti.
2019-01-27 22:02:38
Hai fatto quello che ritenevi giusto fare. Io avrei capito . Un saluto.
2019-01-28 11:53:07
Ti ringrazio Stenobe
2019-01-27 10:01:14
Ben fatto