Lunedì 11 Febbraio 2019, 08:28

Manuel: «Quando ho capito tutto mi ha dato forza pensare a Bebe Vio»

Manuel: «Quando ho capito tutto  mi ha dato forza pensare a Bebe Vio»

di Alessia Marani

Di quella notte all’Axa «ricordo tutto, il proiettile che mi colpisce, il dolore, io che cado a terra. Quando ho capito quello che mi era successo e ciò che mi aspetterà, ho immaginato il mio futuro “diverso” e ho pensato subito a lei: a Bebe Vio, è lei la mia eroina». Manuel Bortuzzo stringe il telefonino che i genitori gli hanno riconsegnato e quando parla della campionessa paralimpica, la sua voce tradisce la commozione. Trema, per un attimo piange. Nella stanza della Terapia Intensiva dell’ospedale romano San Camillo, papà Franco e Paolo Barelli, presidente della Federnuoto, non lo lasciano per un attimo. Ieri mattina, i medici gli hanno suturato il drenaggio ai polmoni, la mamma gli ha fatto compagnia poi lo ha lasciato da solo per riposare. Manuel è indebolito per il carico di farmaci, ma lotta come un leone, su Instagram ha salutato gli amici: «Siete fantastici, siete ciò che mi faceva andare a dormire tranquillo la sera e ciò che mi faceva risvegliare con il sorriso». È sopravvissuto al folle agguato, ma non muove più le gambe.

L'ESPERTO ​Nuotatore paralizzato. La scienza progredisce Manuel può sperare
LA PROMESSA La fidanzata di Manuel: «Gli ho fatto una promessa: sempre al suo fianco»

 
 
 

CONTINUA A LEGGERE L'ARTICOLO
Condividi su Google+ Commenta
<< CHIUDI
CONDIVIDI LA NOTIZIA
Manuel: «Quando ho capito tutto mi ha dato forza pensare a Bebe Vio»
CONDIVIDI LA NOTIZIA
DIVENTA FAN
SEGUICI SU TWITTER
COMMENTA LA NOTIZIA
5 di 11 commenti presenti
2019-02-12 20:16:26
Covvverton, ciapete 'na setimana de ferie, che te fa più bea figura.
2019-02-11 13:55:17
spero che abbiate capito dall'assenza di commenti a darci un taglio con manuel e la vio.
2019-02-11 19:37:54
Covvverton daghe un taio ti!
2019-02-11 13:07:17
Ora ne vedremo delle belle al processo dei due che hanno sparato ,a MANUEL , perché? ma perché' il loro avvocato chiedera' senz'altro il rito abbreviato , cosi la già' la pena si riduce di un terzo . Poi dira' e diranno ai giudici che non volevano colpire ma solo intimidire ,e che ce' stato uno sbaglio di persona , pero' stavolta i giudici non devono sbagliare senno' quasta volta in italia sarà' rivoluzione , perché' quello e un omicidio bello e buono , anche se non lo hanno ucciso , rimarrà' paralizzato tutta la vita che e' sempre una morte fisica e psicologica , specie per un atleta come lui. Sicche' l'ergastolo e' la pena più' giusta , anche per dare esempio a tutti gli italiani , che con una P 38 in tasca , anche se non spari sei sempre un probabile omicida . VEDREMO I GIUDICI .
2019-02-11 14:19:05
Concordo su ogni singola parola.