Petardi davanti a casa del consigliere leghista, lite e testata: 13enne in ospedale, scoppia il caso

Petardi davanti a casa del consigliere leghista, lite e testata: 13enne in ospedale, scoppia il caso
MILANO I genitori di un 13enne hanno denunciato ai carabinieri un consigliere comunale leghista di Bellusco (Monza), ex candidato sindaco e ora capogruppo in consiglio comunale, accusandolo di aver colpito con una testata loro figlio, fratturandogli il setto nasale. Secondo il loro racconto, il ragazzino si trovava all’esterno dell’abitazione del consigliere insieme ad altri due coetanei. Uno sarebbe stato preso a schiaffi e calci dallo stesso consigliere, mentre l’altro, un nordafricano, sarebbe stato apostrofato per la sua pelle. Il tredicenne, medicato in ospedale, è stato dimesso con una prognosi di 7 giorni per la frattura. Le altre due coppie di genitori stanno valutando se sporgere o meno denuncia.

L’accaduto e le dichiarazioni dei ragazzi sono ora al vaglio dei carabinieri, così come quelle di alcuni testimoni. L’episodio è avvenuto venerdì sera poco prima delle 23, in via Adamello, di fronte al cancello dell’esponente locale del Carroccio, 66 anni, notissimo in paese. Cinque ragazzini alzano la voce, forse parte anche un petardo – gli investigatori stanno ricostruendo l’episodio nei dettagli – cosa che sarebbe già successa negli ultimi tempi, ma stavolta l’uomo, esasperato, passa dalle parole ai fatti. È uscito urlando da casa, il gruppetto gli ha risposto a tono e ne è nata una discussione decisamente accesa. Alla fine l’uomo avrebbe perso il controllo. L’alterco è finito al pronto soccorso di Vimercate con una diagnosi di frattura.
SOTTO CHOC
All’ospedale, a portare solidarietà e a capire cosa sia avvenuto, è arrivato anche il sindaco Roberto Invernizzi. «Ogni gesto di violenza è deprecabile. Ognuno interpreta il ruolo istituzionale come crede. È presto per dire quali siano gli esatti contorni della vicenda», commenta. Uno dei protagonisti tra l’altro, il ragazzino di origini nordafricane, sarebbe stato oggetto di pesanti epiteti, secondo il racconto dei ragazzi. L’amico ferito è sotto choc. Il consigliere comunale, da parte sua, avrebbe smentito di avere anche solo toccato gli adolescenti, mentre avrebbe prodotto un referto per lesioni a un ginocchio in seguito a un calcio ricevuto durante la discussione.

Gli investigatori sono alla ricerca di ulteriori testimoni e riscontri sulla lite.
© RIPRODUZIONE RISERVATA

Domenica 10 Febbraio 2019, 18:31






Condividi su Google+ Commenta
<< CHIUDI
CONDIVIDI LA NOTIZIA
Petardi davanti a casa del consigliere leghista, lite e testata: 13enne in ospedale, scoppia il caso
CONDIVIDI LA NOTIZIA
DIVENTA FAN
SEGUICI SU TWITTER
COMMENTA LA NOTIZIA
3 di 8 commenti presenti
2019-02-11 10:29:10
Ogni gesto di violenza è deprecabile;giusto! Anche provocare a mio avviso non e'da meno. Non riusciro' ma ha capire certe provocazioni, il rischio di trovare uno con poca pazienza oggigiorno e' molto alto. Se non provocavano a quest'ora sarebbero tranquilli e sereni a casetta propria con mammina e papino!
2019-02-11 17:33:58
viene il dubbio? che "mandino i figli minorenni e non accompagnati" in quanto "non imputabili"? [fino a 14 anni]
2019-02-10 20:03:05
Cinque baldi giovani se ne andavano nottetempo a disturbare e a sparare petardi ma hanno trovato qualcuno che gli ha insegnato l'educazione. Ma puoi prendere a testate un "bambino" di 13 anni ? E a quell'ora che faceva ancora in giro con i suoi amichetti maleducati ? Per altro le cronache sono piene di babygang che commettono reati, anche gravissimi, "forti" del fatto di essere branco. In altro contesto il titolo dell'articolo poteva anche diventare "anziano viene massacrato di botte sotto casa, si indaga per risalire ai colpevoli". italia