Avevano 20 kg di droga da 200mila euro: arrestati, erano tutti richiedenti asilo

PER APPROFONDIRE: droga, richiedente asilo, udine
Avevano 20 kg di droga da 200mila euro: arrestati, erano tutti richiedenti asilo
UDINE - I militari della Guardia di Finanza di Udine, coordinati dalla Procura di Udine, hanno arrestato otto persone - tutti richiedenti asilo di origini afghana e pachistana e una donna, cittadina italiana - e sequestrato oltre 20 chilogrammi di stupefacenti, tra cocaina, hashish e marijuana per un valore di oltre 200 mila euro, in zona Borgo Stazione, a Udine.

A dare il via all'operazione denominata "Arachosia" - dal nome della regione di provenienza dei trafficanti, compresa fra Afghanistan sudorientale, Pakistan e India - era stato l'arresto, lo scorso settembre, nell'area della stazione ferroviaria di Udine, di due giovani austriaci, trovati dai finanzieri in possesso di oltre mezzo chilo di marijuana, comprata, ad un prezzo molto più vantaggioso di quello normalmente applicato in Carinzia. 

«Abbiamo disarticolato quella che riteniamo essere la cellula più attiva nello spaccio di stupefacenti nella zona di Borgo Stazione». Così il tenente colonnello Davide Cardia, che dirige il Nucleo di Polizia economico-finanziaria di Udine, commenta all'Ansa l'operazione «Arachosia», conclusasi con l'arresto di una banda di otto persone dedita al traffico di stupefacenti.

Una rete molto ben organizzata e in grado di movimentare somme importanti di danaro, spiega Cardia. «Un gruppo di richiedenti asilo con una capacità finanziaria importantissima», in grado di immettere sul mercato elevati quantitativi di sostanze stupefacenti, compresa la cocaina. «Si tratta - rimarca - di un salto di qualità». La rete, prosegue, «riusciva a procurarsi hashish e marijuana autonomamente, mentre per la cocaina aveva bisogno di attingere ad altri canali di approvvigionamento. Il che implica che non sono soli». Nei ritrovamenti, gli uomini delle Fiamme Gialle hanno sequestrato «7 etti di cocaina che poteva tranquillamente essere tagliata - rimarca - arrivando tranquillamente a sviluppare anche 1 kg-1,2kg».

Il sequestro, aggiunge Cardia, «è stato valutato al ribasso attorno a circa 200 mila euro, ma questo presuppone a monte un investimento di livello». Il «capo» della banda, «soprannominato 'Americà, pubblicizzava sui social il suo tenore di vita »palesemente incompatibile con il suo status economico-finanziario«. La provincia di Udine, conclude Cardia, resta una zona "sottopressione", forse più di altre in Fvg. A inizio ottobre, sempre nei bagni della Stazione era stata trovata morta per overdose una ragazza sedicenne di Palmanova.
© RIPRODUZIONE RISERVATA

Mercoledì 28 Novembre 2018, 11:43






Condividi su Google+ Commenta
<< CHIUDI
CONDIVIDI LA NOTIZIA
Avevano 20 kg di droga da 200mila euro: arrestati, erano tutti richiedenti asilo
CONDIVIDI LA NOTIZIA
DIVENTA FAN
SEGUICI SU TWITTER
COMMENTA LA NOTIZIA
5 di 11 commenti presenti
2018-11-28 16:28:33
La pressione sul confine orientale di migranti afghani e pakistani è pesantissima; non esiste solo un fronte mediterraneo ma anche terreste via ex jugoslavia o spesso respinti da germania o austria vengono a cercare miglior vita in italia dedicandosi al malaffare!
2018-11-28 18:13:43
... stupefacenti risorse.. ma basta, buttateli fuori tutti più uno per esserne certi. in altrenativa tutti a casa della sora laura e frate francesco..
2018-11-28 12:00:27
A differenza degli oggetti di valore che non si consumano mai, la droga viene consumata continuamente, percio il mercato si rinnova continuamente e non finisce mai, è come l’alcol, il fumo, la prostutuzione, il gioco d’azzardo ecc...
2018-11-28 14:34:45
La loro amica Laura non dice nulla? Vorrei sapere cosa ne pensa di queste "risorse"
2018-11-28 15:37:37
Il fatto e' che ci siano ancora persone che leggono questa notizia e si meravigliano. Possibile che nessuno si domandi cosa vengono a fare in Italia afgani e paki che abitano paesi che sono dall'altra parte dell mondo? Per arrivare qui devono attraversare numerosi paesi. Tutti paesi di fede islamica come loro. No, questi arrivano fino in Europa e precisamente in Italia. Sono sicuro al 100% 100 che tutti costoro nei looro paesi facevano glli spacciatori. Sapendo che l'Europa per la droga e' un mercato infinamente piu' importante e sapendo dell'Europa l'Italia e' il ventre molle, per quanto riguarda la giustizia, allora il gioco e' fatto. Molto piu' interessante sapere come questi individui arrivino a procurarsi questi ingenti quantitativi di droga. Come fanno degli stranieri appena arrivati ad avere contatti cosi' delicati ed importanti?