Mercoledì 10 Ottobre 2018, 20:59

Abbandona il cane in strada, ma lui riesce a tornare: così lo uccide

Una foto di archivio di un cane della stessa razza

di Francesco Campi

CEREGNANO -  Rocki era un grosso cane nero, un Drahthaar, razza da ferma tedesca. Che ha dimostrato come, se i gatti hanno 7 vite, i cani ne hanno almeno un paio. Lui, infatti, è stato ucciso due volte. Prima abbandonato, venendo lanciato dal finestrino di un’auto. Poi, 11 giorni dopo, una volta tornato a casa, soppresso con un’iniezione intracardiaca di Tanax. La sua fine, però, non è rimasta impunita, visto che ieri il giudice Raffele Belvederi, ha condannato in primo grado il suo proprietario,
CONTINUA A LEGGERE L'ARTICOLO
Condividi su Google+ Commenta
<< CHIUDI
CONDIVIDI LA NOTIZIA
Abbandona il cane in strada, ma lui riesce a tornare: così lo uccide
CONDIVIDI LA NOTIZIA
DIVENTA FAN
SEGUICI SU TWITTER
COMMENTA LA NOTIZIA
5 di 13 commenti presenti
2018-10-11 07:14:15
Portarlo in canile era ovviamente troppa fatica. Spero in una pena esemplare!
2018-10-11 07:46:26
spero che la condanna sia esemplare e certa con il massimo previsto dl reato e sospendere il veterinario canicida
2018-10-11 09:52:42
Non conosco i particolari del fatto, ma leggendo di un'iniezione di tanax rabbrividisco. Se questo veterinario ha davvero praticato un'iniezione di tanax senza aver prima anestetizzato il cane andrebbe radiato!
2018-10-11 11:09:51
Radiare subito il veterinario.
2018-10-11 15:11:42
doppio reato: in primis, va effettuata una preanestesia, e in ogni caso il tanax va per via endovenosa, non per intracardiaca.... e poi l'eutanasia sugli animali d'affezione pio' essere praticata solo per rilevanti motivi di salute dell'animale, mai per disfarsene... Spero che il giudice abbia colpito duro sia il proprietario che il veterinario.