Incubo finito: catturato l'autore delle spaccate nei negozi della città

Ammor Ben Lazhar Torch
PADOVA - Lo hanno preso, gli agenti della Squadra Mobile di Padova sono riusciti a catturare l'autore delle spaccate nei negozi di Padova. Il numero era alto, eravamo arrivati a 37 colpi, senza che si riuscisse a prendere il responsabile. Un fatto eclatante, tanto che lo stesso ministro Matteo Salvini aveva assicurato rinforzi in arrivo per la città del Santo, flagellata da questa emergenza furti. Ora la polizia sta cercando un altro uomo che potrebbe essere responsabile, insieme al tunisino, di altri colpi ai negozi. «Sono molto soddisfatto che il presunto colpevole di questi furti sia stato trovato e per questo faccio i miei complimenti al questore e ai suoi uomini - ha detto il sindaco Sergio Giordani - le spaccate in città avevano provocato molto clamore».

CHI E' L'AUTORE DELLE SPACCATE
La Polizia di Stato ha sottoposto a fermo di polizia giudiziaria per furto uno straniero tunisino di 40 anni, Ammor Ben Lazhar Torch, pluripregiudicato irregolare sul territorio nazionale. Ammor Ben Lazhar Torch si spostava sempre e solo in bicicletta - ne aveva più di una, tutte rubate - a lui viene attribuita la maggior parte delle 37 spaccate verificatesi a Padova negli ultimi mesi. Attuava sempre lo stesso modus operandi: agiva da solo, spaccava vetrate e poi asportava pochi euro di fondo cassa, si mimetizzava approfittando del buio e poi svicolava tra le vie del centro storico a bordo di bicicletta da uomo marca Esperia.

IL COMMENTO DI MATTEO SALVINI «Fuori dall'Italia questi delinquenti! E' finita la pacchia»

LA CATTURA IN ZONA PALESTRO
Ammor Ben Lazhar Torch è stato trovato a casa della sorella, vicino a via Varese, in zona Palestro. All'interno dell'abitazione gli agenti hanno rinvenuto buona parte della refurtiva.

L'ARRESTO E L'ESPULSIONE. EPPURE E' RIMASTO IN ITALIA
Nel 2014 Ammor Ben Lazhar Torch è stato arrestato per una spaccata a Baldan Abbigliamenti, sempre a Padova, in seguito a questo era stato arrestato, aveva a suo carico anche svariate denunce per stupefacenti, nel luglio 2017 il tunisino è stato scarcerato e nell'agosto 2017 è stato portato nel Centro di Torino per l'espulsione. Qui però l'inghippo: non è stato possibile identificarlo, per questo motivo la Tunisia non lo ha accettato e Ammor Ben Lazhar Torch è tornato a piede libero.
© RIPRODUZIONE RISERVATA

Mercoledì 10 Ottobre 2018, 09:27






Condividi su Google+ Commenta
<< CHIUDI
CONDIVIDI LA NOTIZIA
Incubo finito: catturato l'autore delle spaccate nei negozi della città
CONDIVIDI LA NOTIZIA
DIVENTA FAN
SEGUICI SU TWITTER
COMMENTA LA NOTIZIA
5 di 114 commenti presenti
2018-10-10 11:21:28
Guarda caso quasi tutti i reati sono svolti da musulmani. Questi personaggi disprezzano il nostro Paese, soprattutto perché l'Islam è contrario alle altre religioni. Non le accetta. Senza dimenticare come odiano e usano le donne. E le stesse donne quando salgono nei nostri bus, le senti subito quando sono musulmane: non insegnano una parola di italiano ai loro figli!!! Mi spiace, ma per me se ne devono andare dall'Italia dato che la odiano!
2018-10-10 10:56:15
Pluripregiudicato e irregolare. E sta ancora qui.
2018-10-10 10:28:01
Ma va? Credevo il solito svedese.
2018-10-10 10:26:57
Adesso non rimpatriamolo...teniamolo qui...sta facendo girare l'economia dei vetrai....
2018-10-10 12:10:53
altra risorsa boldriniana... che domani sara' ancora a piede libero!...