Mercoledì 10 Ottobre 2018, 08:45

Crac Compiano: 36 milioni di euro spariti, ma non fu bancarotta: assolto

Crac Compiano: 36 milioni spariti, ma non fu bancarotta: assolto Il giudice: solo appropriazione indebita

di Denis Barea

TREVISO - Quella di Luigi Compiano non fu bancarotta. E' questo l'esito, a dir poco clamoroso, dell'udienza preliminare svoltasi ieri davanti al gup Angelo Mascolo in cui l'ex patron del gruppo omonimo, fino a pochi anni fa colosso nazionale nel settore della sicurezza e vigilanza, aveva chiesto il rito abbreviato per i 10 capi di imputazione della presunta bancarotta fraudolenta relativa alle società Autocom, Assistel e Istituto di Vigilanza Compiano mentre per il crac della North East Service aveva deciso di affrontare il possibile rinvio a giudizio per poi dare battaglia a dibattimento.
 
 

Il giudice dell'udienza preliminare ha letteralmente smontato pezzo dopo pezzo l'impianto accusatorio costruito negli oltre 3 anni e mezzo di indagine condotta dal sostituto procuratore Massimo De Bortoli: quella della Nes, i 36 milioni di euro in deposito nel caveau della società di cui Luigi Compiano si appropriò un euro dopo l'altro, non è infatti per il giudice una bancarotta per distrazione ma una mera appropriazione indebita e per questo reato - decisamente meno grave - l'ex patron è stato rinviato al giudizio che prenderà avvio il prossimo 9 maggio davanti al tribunale di Treviso in composizione collegiale. Mentre per quanto riguarda i 25 milioni relativi al dissesto delle altre tre società Compiano è stato assolto (l'accusa aveva chiesto la condanna a 5 anni) perché il 
fatto non sussiste. Assolti, sempre in abbreviato, i componenti dell'ex cda di Nes Filippo Silvestri, Angelo Monti,
CONTINUA A LEGGERE L'ARTICOLO
Condividi su Google+ Commenta
<< CHIUDI
CONDIVIDI LA NOTIZIA
Crac Compiano: 36 milioni di euro spariti, ma non fu bancarotta: assolto
CONDIVIDI LA NOTIZIA
DIVENTA FAN
SEGUICI SU TWITTER
COMMENTA LA NOTIZIA
5 di 30 commenti presenti
2018-10-10 11:57:50
Riassumendo: il sostituto procuratore Massimo De Bortoli ha seguito per 3 anni e mezzo una strada sbagliata fin dall'inizio. E pure un deficiente come me capita che era appropriazione indebita viste le auto che ha comprato l'accusato. 3 anni e mezzo tra lo stipendio del sostituto procuratore Massimo De Bortoli e tutte le persone che hanno lavorato. Ora questi soldi, che lo Stato e la società ha speso, chi li paga?
2018-10-10 13:32:49
non credo che il lavoro sia stato tutto sprecato, visto che rimane comunque il rinvio a giudizio per appropriazione indebita, e le prove restano sempre quelle.
2018-10-10 13:42:51
Il problema del Procuratore De Bortoli e' stato quello di aver trovato come GUP il dottor Angelo Mascolo, quello che pontificava: " Lo stato non c'e' piu', girerò armato...." e dalle simpatie politiche note.
2018-10-10 11:49:02
L' Italia ha 110.000 leggi contro le 5.00 tedesche e 3.000 inglesi. E poi i ladri la fanno sempre franca.
2018-10-10 14:52:55
In parlamento abbiamo la piu'alta percrntuale di avvocati al mondo e vi meravigliate di queste leggi?