Medico rifiuta le cure a un clandestino e chiama i carabinieri

PER APPROFONDIRE: clandestino, medico, pronto soccorso, trento
Il post di Salvini
TRENTO - Un medico del Pronto soccorso di Trento, si è rifiutato ieri mattina di curare un marocchino col permesso di soggiorno scaduto e già rifiutato anche dal medico di famiglia. Il dottore  ha chiamato i carabinieri.

Oggi il caso trentino torna a far discutere: «Il professionista trentino ha fatto il suo dovere, segnalando un’irregolarità» ha postato ieri sui social il ministro dell’Interno, Matteo Salvini. In linea con il leader anche il consigliere regionale Fabrizio Boron (lista Zaia) che guida la commissione Sanità del Veneto: «E’ giusto segnalare alle autorità che una persona di altra nazionalità si trova in territorio italiano senza documenti e ciò non esime i sanitari dal prestarle l’assistenza di cui necessita. Il medico di Trento ha fatto bene, lo straniero deve entrare o restare in Italia con le carte in regola. Anche perchè non è raro che qualcuno faccia il furbo e non esibisca i documenti al Pronto Soccorso per non pagare l’eventuale ticket. Il Veneto paga già 5 milioni di euro l’anno per curare i clandestini».

 Il fatto è peraltro già avvenuto anche in  Veneto:  si ricordino le denunce già di 8 anni fa negli ospedali di Conegliano e Padova per  due pazienti che erano  senza documenti.
© RIPRODUZIONE RISERVATA

Giovedì 4 Ottobre 2018, 12:29






Condividi su Google+ Commenta
<< CHIUDI
CONDIVIDI LA NOTIZIA
Medico rifiuta le cure a un clandestino e chiama i carabinieri
CONDIVIDI LA NOTIZIA
DIVENTA FAN
SEGUICI SU TWITTER
COMMENTA LA NOTIZIA
5 di 35 commenti presenti
2018-10-05 06:41:17
Vai negli stati uniti e prova a farti curare gratis.
2018-10-04 20:11:17
Beh a me sembra che tutti, a prescindere dalla provenienza, hanno il diritto di essere curati secondo la costituzione....
2018-10-04 21:18:39
Curati si. Ma NON necessariamente gratis. Lo straniero comunitario ha la tessera ENI (la tessera sanitaria) che garantisce l'interscambio delle prestazioni sanitarie tra i paesi europei. Ma il paese d'origine paga il conto (come in Italia paga la regione d'origine, se ti curi in altra regione diversa da quella di residenza). Gli stranieri non comunitari (a partire da studenti e religiosi) possono aderire al SSN pagando un "abbonamento" (di base 387 euro/annui). Gli stranieri extracomunitari "in regola" possono avere la tessera STP (Straniero TEMPORANEAMENTE presente) che assicura gratis gran parte dell'assistenza, specie per bambini e donne in gravidanza. Quello che viene garantito a tutti GRATIS e' la terapia di urgenza in Pronto Soccorso. SOLO in Italia, nel resto del mondo paghi. Nello specifico il gradito ospite, fuggito dal Marocco in guerra, NON aveva la tessera STP (non avendone diritto) NON poteva avere un medico di famiglia e voleva dal PS prestazioni sanitarie NON d'urgenza. Dal titolo sembra che il medico abbia fatto la "spia". Magari voleva solo continuare a fare il suo lavoro senza essere aggredito. italia
2018-10-04 19:59:37
160783 tu disprezzi i leghisti quindi anche la tua vita non è così piena come vuoi far credere.
2018-10-04 18:14:16
Nei loro paesi vorrei vedere se ti curano se sei clandestino