Migranti, nasce l'asse dei volenterosi: accordo Italia, Austria e Germania per fermare gli sbarchi

PER APPROFONDIRE: austria, germania, migranti
Migranti: asse tra Italia, Austria e Germania per fermare gli sbarchi. La Diciotti sta arrivando a Trapani, Salvini: «I violenti in manette»

di Sara Menafra

Un «asse di volenterosi» guidato da Austria, Germania e Italia per frenare le partenze dei migranti e gli sbarchi in Europa, in modo da far giungere sul Continente solo coloro che effettivamente fuggono da guerre. Lo hanno detto al termine di un incontro trilaterale il ministro dell'Interno Matteo Salvini ed i colleghi Horst Seehofer (Germania) e Herbert Kickl (Austria).

La priorità è la difesa dei confini esterni, “deciso questo ci accorderemo anche sulla redistribuzione dei migranti già arrivati. Diventa un piccolo problema davanti a una politica più complessiva”. A parlare in termini entusiastici dell’accordo appena fatto è Horst Seehofer col quale sembrano cancellate le differenze di posizione. Alla fine di un breve pre vertice, italia, Austria e Germania si dicono d’accordo per concordare politiche comuni. E danno anche un nuovo appuntamento: il 19 luglio a Vienna.

Il ministro dell’Interno italiano, Matteo Salvini si dice molto soddisfatto perché “è passata la linea dell’Italia”. Nella pratica potrà voler dire che già la prossima settimana sarà costretto a firmare un’intesa in cui dovrà accettare il ritorno in Italia di una parte dei migranti che dopo l’identificazione sulla penisola si sono spostati in Germania. Ma, insiste, in ambito più generale è la linea sua e del governo giallo verde ad essere passata: “Questo accordo vuol dire sostegno alle autorità libiche che fanno il loro lavoro salvando le persone in mare, centri di smistamento di migranti fuori dai confini europei”. Li, sulla costa sud del Mediterraneo, sarà identificata la “minoranza che scappa dalle guerre e quella potrà entrare in Europa, redistribuita”.

Gli altri non avranno più modo di varcare i confini. La linea scelta dall’ “asse dei volenterosi” chiede ora il sostengo dell’intera Unione Europea. Seehofer annuncia già che la proposta sarà portata ad Avramopoulos, perché “solo se fa queste cose l’Europa funziona”. Se così fosse sarebbero i principi degli accordi post bellici come la convenzione di Ginevra a venire meno e non è chiaro quale sarà la reazione del resto dell’Europa. Subito dopo l’incontro a tre, Salvini vedrà i “colleghi” di Francia e Svizzera, poi parte il vertice informale: il primo test per capire se la politica dell’asse diventerà sinonimo di quella europea.
© RIPRODUZIONE RISERVATA

Giovedì 12 Luglio 2018, 08:56






Condividi su Google+ Commenta
<< CHIUDI
CONDIVIDI LA NOTIZIA
Migranti, nasce l'asse dei volenterosi: accordo Italia, Austria e Germania per fermare gli sbarchi
CONDIVIDI LA NOTIZIA
VIDEO
DIVENTA FAN
SEGUICI SU TWITTER
COMMENTA LA NOTIZIA
5 di 26 commenti presenti
2018-07-12 20:26:35
In Veneto 650 mila stranieri regolari, e a sentire Zaia sono tutti bene integrati, ed è vero, quindi cosa stiamo parlando? non mi meraviglierei se diventassimo una provincia della Romaia o dell'Albania,, ma per distogliere l'attenzione da questi stranieri, che entrano con l'aereo o con il treno o via traghetto, il nostro eroe salvini, si incattivisce contro quattro neri, ma è solo e sempre propaganda.
2018-07-12 23:41:40
NON e' solo propaganda, ma e' la NS. vita e quella dei NS. figli e nipoti che sono stati SVENDUTI, e DERUBATI della SPERANZA. Ora, si lasciano alle future generazioni per lo piu' DEBITI. Qui non si tratta di un partito o di un'altro --se guarda i miei post ho sempre qualificato l'operato di S.B. e di molti altri (che pagano moltissime tasse NON in Italia), di dx,c,sx che avevano simili desideri -- di sfruttare persone a SBAFO di noi Italiani (lavoro, casa, sanita', educazione, "GRATIS" --per i Furbi -- a coloro che scappano da guerre o dalla poverta' -- TANTO PAGANO o si INDEBITANO gli Italiani, dice S.B. a Nessma TV). Qui si parla dello "zio Tunisino" che aveva OLTRE 50 arresti ed e' stato fatto diventare cittadino Italiano dallo scortato Flavio Zanonato o come l'Ungherese Ilona Staller, che e' stata fatta diventare da attricetta pornostar che faceva pipi' dorata sulla testa degli Italiani, cittadina Italiana e deputata del ns. Parlamento ed ora riceve migliaia di euro al mese da noi tutti, o da una Luisa DeBiasio che ha fatto solo una legislatura (ca 3 anni di contributi INPS) come rappresentante di Padova, ma gode di migliaia di euro al mese di pensione da anni, fa parte dell'Intellighezia Patavina, ed ora fa letture sul degrado urbano che ha attivamente contribuito a determinare sulla testa di moltissime persone (della zona del Cavalcavia Dalmazia, chiamata quartiere Anelli, ora terra di retate della polizia)....e come lui/lei migliaia di altre persone....per quello dico che, secondo me, anche i ns. locali sono probabilmente (non ho controllato ancora le statistiche) vicino ad essere una minoranza demografica, come il Tibet. NON ne faccio una questione di colore di pelle, ma di VALORI e IDENTITA' di persone che sono state fatte entrare. Valori e IDENTITA' diversi da quelli dei locali. Ci saranno sempre tensioni. Questi "migranti" NON si sono integrati (non e' colpa di nessuno, non ho visto al mondo nessuna integrazione che non sia almeno di ca 400 anni). Bisogna, secondo me, operare sulla IDENTITA' e VALORI dei migranti, affiche' si integrano, ma un LAVORO LEGALE e la mistura demografica delle persone, sono presupposti necessari affinche' l'integrazione avvenga, anche in Italia.
2018-07-12 18:26:07
Noi non abbiamo nessun obbligo x quanto riguarda il trattato di Dublino almeno fino a quando l'Europa "tutta" non rispetterà l'accordo sulla ridistribuzione dei migranti.
2018-07-12 17:27:09
A me sembra semplicemente una mera dichiarazione d'intenti, altrimenti chiamata "aria fritta". Nessuna indicazione su come convincere i paesi africani a istituire i cosiddetti "centri di smistamento", su come obbligare i migranti economici a finirci dentro anziche' evitarli come la peste, e soprattutto su come impedire a tutti quelli che comunque prenderanno il mare a sbarcare da noi. Capisco che a tedeschi e austriaci questi dettagli tecnici possano interessare poco, ma a noi si', mi pare. D'altra parte, finche' la gente esulta e nessuno comincia a sentirsi preso in giro...
2018-07-12 15:32:28
Avanti tutta. I popoli europei si sono stancati di questa colossale presa in giro in nome della finanza e della speculazione sulla massa lavoro. E in prima fila siamo noi Italia che abbiamo dovuto sibire la comtinua invasione favorita da una manica di traditori del PD e dal Vaticanoche tutto ordina e sovrintende. La palla al piede dell'Italia.