Migranti, nasce l'asse dei volenterosi: accordo Italia, Austria e Germania per fermare gli sbarchi

PER APPROFONDIRE: austria, germania, migranti
Migranti: asse tra Italia, Austria e Germania per fermare gli sbarchi. La Diciotti sta arrivando a Trapani, Salvini: «I violenti in manette»

di Sara Menafra

Un «asse di volenterosi» guidato da Austria, Germania e Italia per frenare le partenze dei migranti e gli sbarchi in Europa, in modo da far giungere sul Continente solo coloro che effettivamente fuggono da guerre. Lo hanno detto al termine di un incontro trilaterale il ministro dell'Interno Matteo Salvini ed i colleghi Horst Seehofer (Germania) e Herbert Kickl (Austria).

La priorità è la difesa dei confini esterni, “deciso questo ci accorderemo anche sulla redistribuzione dei migranti già arrivati. Diventa un piccolo problema davanti a una politica più complessiva”. A parlare in termini entusiastici dell’accordo appena fatto è Horst Seehofer col quale sembrano cancellate le differenze di posizione. Alla fine di un breve pre vertice, italia, Austria e Germania si dicono d’accordo per concordare politiche comuni. E danno anche un nuovo appuntamento: il 19 luglio a Vienna.

Il ministro dell’Interno italiano, Matteo Salvini si dice molto soddisfatto perché “è passata la linea dell’Italia”. Nella pratica potrà voler dire che già la prossima settimana sarà costretto a firmare un’intesa in cui dovrà accettare il ritorno in Italia di una parte dei migranti che dopo l’identificazione sulla penisola si sono spostati in Germania. Ma, insiste, in ambito più generale è la linea sua e del governo giallo verde ad essere passata: “Questo accordo vuol dire sostegno alle autorità libiche che fanno il loro lavoro salvando le persone in mare, centri di smistamento di migranti fuori dai confini europei”. Li, sulla costa sud del Mediterraneo, sarà identificata la “minoranza che scappa dalle guerre e quella potrà entrare in Europa, redistribuita”.

Gli altri non avranno più modo di varcare i confini. La linea scelta dall’ “asse dei volenterosi” chiede ora il sostengo dell’intera Unione Europea. Seehofer annuncia già che la proposta sarà portata ad Avramopoulos, perché “solo se fa queste cose l’Europa funziona”. Se così fosse sarebbero i principi degli accordi post bellici come la convenzione di Ginevra a venire meno e non è chiaro quale sarà la reazione del resto dell’Europa. Subito dopo l’incontro a tre, Salvini vedrà i “colleghi” di Francia e Svizzera, poi parte il vertice informale: il primo test per capire se la politica dell’asse diventerà sinonimo di quella europea.
© RIPRODUZIONE RISERVATA

Giovedì 12 Luglio 2018, 08:56






Condividi su Google+ Commenta
<< CHIUDI
CONDIVIDI LA NOTIZIA
Migranti, nasce l'asse dei volenterosi: accordo Italia, Austria e Germania per fermare gli sbarchi
CONDIVIDI LA NOTIZIA
VIDEO
DIVENTA FAN
SEGUICI SU TWITTER
COMMENTA LA NOTIZIA
5 di 26 commenti presenti
2018-07-13 08:00:47
Salvini ti hanno fatto fare la figura del pirla. Esci da questo governo e mandali a casa tutti
2018-07-12 21:55:53
... l'italia, già provincia afro romeno albanese sarà presto africa del nord. nel 2050 gli africani saranno circa due miliardi e mezzo, oltre un miliardo più di oggi. la più impressionante crescita demografica della storia umana..la barbarie della globalizzazione non lascia spazio a mediazione . l'èlite ha bisogno degli africani, ma non in africa bensì in europa è qui che fa affari.. cosa fare?.. intanto prenderne atto e lasciare da parte camicie rosse e grembiulini papalini..
2018-07-14 11:50:24
Purtroppo per te, oggi è sufficiente un gommone di plastica per arrivare in Italia, cosa impensabile solo 50 anni fa, inutile quindi fare la faccia cattiva o eleggere salvini di turno, ci vuole saggezza. lungimiranza, conoscenza, e consapevolezza che con o senza globalizzazione le cose sarebbero comunque andate come vanno oggi, e non è più possibile tornare indietro.
2018-07-12 20:41:03
Chissà come se la sta ridendo Schettino, si proprio lui, quello della Costa, ripensando al comandante De Falco, noto grillino, che gli orinava di risalire la biscaggina, chissà chi è l'eroe adesso.
2018-07-12 19:29:00
Credo che la Germania non veda l'ora di rimandarci indietro le "eccedenze" migratorie di cui la sua economia non ne ha bisogno (si ripete --sotto questo punto di vista -- quello avvenuto ca 200 anni fa in Gran Bretagna). L'Austria sembra essere contenta di essere "pochi ma buoni"...e l'Italia 1-dovra' assorbire le "eccedenze migratorie" dell'economia tedesca e austriaca (non ha altra scelta, vista la pessima situazione economica che abbiamo -- volutamente?) 2-cosa riuscira' l'Italia a trattare per assorbirsi queste "eccedenze" e COME le assorbira'? Non credo che sia facile o possibile trovare lavoro LEGALE in Italia, anche se e' in atto una diminuzione demografica. 3- E' da vedere quello che queste autorita' Italiane riusciranno a fare nonostante i commenti di Francesi, o Maltesi o simili, per i nuovi arrivi (che continuerrano ad esserci, anche se in numero minore). Secondo me, l'Italia SEMBRA finire come il Tibet, i locali diventeranno una minoranza, o saranno dispersi nel mondo, anche se l'Italia si dotera' di autonomia regionale, per volonta' soprattutto di alcune persone che hanno fortemnete voluto e operato per tutto questo dal conforto delle loro proprieta'.