Panico alla fermata del treno: orda di giovani stranieri ferisce anziano

Panico alla fermata del treno:  orda di giovani stranieri scatenati

di Paola Treppo

UDINE e CONEGLIANO - Feriscono un anziano sul treno e cercano di scappare alla fermata di Conegliano, un gruppo di ragazzi di varie nazionalità straniere. Sette giovani, tra i 17 e i 21 anni, sono stati fermati e identificati dalla polizia ferroviaria di Udine. Tra loro anche una 18enne pregiudicata. 

Intorno alle 21 dello scorso sabato 7 luglio, gli agenti della Polfer erano impegnati nella normale attività di scorta sul treno regionale Udine-Mestre e si trovavano alla fermata di Conegliano, a termine scorta. Lì hanno notato un gran numero di ragazzi che stavano salendo sul convoglio, tutti in gruppo, urlando e sbattendo con forza le porte dei vagoni; avevano un atteggiamento minaccioso nei confronti degli altri viaggiatori.

I poliziotti sono riusciti a rintracciare 11 ragazzi, contenendone la loro condotta provocatoria, per poi farli scendere dal treno, anche perché erano senza biglietto per di viaggio. Di questi, sette sono stati bloccati e subito identificati, anche grazie all'aiuto di una pattuglia del Commissariato di polizia di Stato di Conegliano, mentre altri quattro sono riusciti a scappare via.  

Con la loro furia, il gruppo di giovani ha causato il ferimento di un anziano passeggero trasportato al pronto soccorso, medicato e giudicato guaribile in 5 giorni. Molti dei ragazzi fermati si erano già resi responsabili in passato di diversi reati; tra loro anche una ragazza di 18 anni, pure lei pregiudicata.

I giovani saranno denunciati dalla polizia ferroviaria di Udine per rifiuto di fornire le generalità oltre che per omissione di soccorso, poiché non hanno prestato assistenza all’anziano ferito. Tre del gruppo saranno denunciati anche per il reato di oltraggio a pubblico ufficiale, mentre a carico dei quattro che sono riusciti a fuggire, e per la cui identificazione sono in corso accertamenti, anche grazie alle immagini registrate dalle telecamere di sorveglianza, si procederà alla denuncia per inosservanza dell’ordine di fermarsi impartito dagli agenti della polizia di Stato.
© RIPRODUZIONE RISERVATA

Martedì 10 Luglio 2018, 18:35






Condividi su Google+ Commenta
<< CHIUDI
CONDIVIDI LA NOTIZIA
Panico alla fermata del treno: orda di giovani stranieri ferisce anziano
CONDIVIDI LA NOTIZIA
DIVENTA FAN
SEGUICI SU TWITTER
COMMENTA LA NOTIZIA
5 di 58 commenti presenti
2018-07-10 19:28:48
Ovviamente scatenano i loro freni inibitori e i loro istinti bestiali solo qui in Italia, dove sanno (ormai la voce in tutti questi anni si sarà sparsa ben bene, grazie alle sinistre permissive e lassiste) che mai riceveranno una sana manganellata nei denti come al loro paese, o in ogni caso non pagheranno per gi atti vandalici compiuti. E avanti, continuiamo così... Bisogna dare l'esempio, creare un precedente giudiziario che preveda via libera a controllori e forze dell'ordine di poter reagire in modo deciso, di neutralizzare gli invasati senza timore di ritorsioni legali anche in caso di maniere forti. Altrimenti questi pazzoidi pensano di poter fare ciò che vogliono, senza regole. QUando arriveranno a capire che non potranno più fare i gradassi come gli comoda pena una sana randellata (come accadrebbe da loro o in altre nazioni definite più "civili") forse cominceranno ad abbassare la cresta. Non è possibile continuare ad aver paura di prendere un treno per paura di incappare in bande di vandali che hanno preso la nostra nazione per un parco giochi o per un harem da cui prendere ciò che vogliono senza conseguenza alcuna. Bisognerebbe sempre pensare che lo stato, la nazione fosse la propria casa, in scala ridotta: in casa propria si permetterebbero queste cose?
2018-07-10 19:58:44
Mah... c'è la flagranza del reato, la recidività in qualche caso, non ci sono indagini particolari da svolgere... Processo per direttissima il giorno dopo in stato di detenzione e condanna a due o tre anni per cominciare. Poi per l'appello (da affrontare in stato di detenzione specifico) abbiamo tempo.... PERO' NON LO SI FA....
2018-07-10 19:19:00
Chissa' di quale etnia sono questi giovanotti... Non saranno mica risorse boldriniane portatrici di cultura?
2018-07-10 19:27:03
Però se dici che la polizia deve essere più severa, se dici che devono essre puniti duramente, che devono essere rispediti a casa l'unico risultato che ottieni è sentirti dire che sei fascista. Avanti popolo alla riscossa ........
2018-07-10 19:20:10
I nostrani dobbiamo tenerceli (purtroppo), ma almeno gli stranieri perchè non si rimandano a casa sua ?