Richiedenti asilo gestivano rete droga: 14 arrestati a Trento

PER APPROFONDIRE: droga, richiedenti asilo, spaccio
Gestivano rete della droga, 13 richiedenti asilo arrestati a Trento
TRENTO - Gestivano una rete della droga: per questo 14 centrafricani richiedenti asilo e un italiano sono stati arrestati dalla polizia di Trento per traffico di stupefacenti. L'operazione ha portato alla luce un vasto traffico di droga tra Trento, Verona, Vicenza e Ferrara, gestito dall'organizzazione i cui appartenenti erano giunti in Italia come richiedenti asilo.

Gli spacciatori, per evitare i controlli della polizia, comunicavano tramite Whatsapp ed avevano costituito una rete di cui facevano parte anche italiani tossicodipendenti e donne incinte con al seguito i figli. Le indagini avevano già portato all'arresto di altri 16 nigeriani e all'esecuzione di diverse perquisizioni e divieti di dimora nelle province di Trento, Verona e Ferrara.

C'è anche un italiano tra le persone arrestate nell'operazione contro il traffico e lo spaccio di stupefacenti condotta dalla polizia di Trento.

L'organizzazione criminale si era assicurata quasi completamente il controllo dello smercio delle sostanze stupefacenti nelle zone più importanti. E inoltre, utilizzava quali spacciatori anche gli stessi tossicodipendenti, che, grazie alle loro conoscenze, potevano consegnare la merce agli «amici» in luoghi diversi da quelli soggetti al controllo della polizia. Nel corso del blitz sono stati sequestrati circa sette chili di marijuana, 600 grammi di eroina, diverse decine di grammi tra cocaina ed hashish e circa un litro di metadone, nonché diverse migliaia di euro.

 
© RIPRODUZIONE RISERVATA

Mercoledì 13 Giugno 2018, 08:11






Condividi su Google+ Commenta
<< CHIUDI
CONDIVIDI LA NOTIZIA
Richiedenti asilo gestivano rete droga: 14 arrestati a Trento
CONDIVIDI LA NOTIZIA
VIDEO
DIVENTA FAN
SEGUICI SU TWITTER
COMMENTA LA NOTIZIA
5 di 25 commenti presenti
2018-06-13 11:57:38
Per loro i figli sono scudi, zingani e Aquarius insegnano! E
2018-06-13 12:56:20
forse credevano anche nell'approvazione dello IUS SOLI
2018-06-13 11:28:43
e ci saranno subito i sostituti al lavoro, magari tra quelli appena arrivati con le navi delle ONG. L'affare non conosce crisi di manodopera.
2018-06-13 11:20:15
Salvini ha ragione di chiudere i porti, che se ne vadano altrove
2018-06-13 10:41:41
14 da spedire col primo volo da dove sono arrivati