«Colpito dagli schizzi di metallo fuso. E i vestiti ignifughi sono stati inutili»

«Colpito dagli schizzi di metallo fuso E i vestiti ignifughi sono stati inutili» /Foto

di Vittorino Compagno

VIGONOVO - «Mi sento un miracolato. Mi trovavo con un mio collega ad una cinquantina di metri dal luogo in cui è caduta la siviera, ossia il grande recipiente a forma di secchio che raccoglie il metallo fuso dal forno per essere trasportato e versato nelle apposite forme. Stavamo rivestendo all'interno con del materiale refrattario proprio una siviera di riserva. Il mio collega si trovava dentro il grande recipiente, mentre io ero all'esterno. All'improvviso c'è stato un gran botto. Mi sono girato e ho visto arrivare verso di noi una grande massa di materiale incandescente. Sono stato investito in tutto il corpo dagli schizzi che volavano dappertutto, ma sono riuscito a scappare prima che la massa incandescente che si stava allargando sul pavimento giungesse sotto i miei piedi».



PIEDI BRUCIATI
Al collega è andata decisamente peggio: «Lui, che inizialmente era stato protetto dagli schizzi perché si trovava all'interno della siviera, ha invece dovuto camminare sopra il materiale fuso. Si è bruciato tutti i piedi, nonostante indossasse le scarpe antinfortunistiche. Anche lui, mentre scappava, è stato investito dagli schizzi incandescenti in tutto il corpo. Uno in particolare, più grosso degli altri, lo ha colpito alla schiena procurandogli una grossa ferita. L'abbigliamento ignifugo non è servito a nulla. Gli schizzi fiammeggianti hanno forato i vestiti e ci hanno colpito in tutto il corpo, specialmente alla schiena, ai fianchi e all'addome. E' stato un inferno di fuoco».

LEGGI ANCHE Venerdì sciopero generale dei metalmeccanici in Veneto

Il 34enne Simone Vivian è un operaio di Vigonovo alle dipendenze di una azienda friulana che ha in appalto alla fonderia delle Acciaierie venete di Padova, in Riviera Francia, alcuni lavori di manutenzione. Tra i quattro feriti di domenica mattina, dopo il grave incidente successo all'interno di un capannone adibito ad altoforno, è quello che se l'è cavata meglio.
 
 
© RIPRODUZIONE RISERVATA

Martedì 15 Maggio 2018, 15:35






Condividi su Google+ Commenta
<< CHIUDI
CONDIVIDI LA NOTIZIA
«Colpito dagli schizzi di metallo fuso. E i vestiti ignifughi sono stati inutili»
CONDIVIDI LA NOTIZIA
DIVENTA FAN
SEGUICI SU TWITTER
COMMENTA LA NOTIZIA
5 di 16 commenti presenti
2018-05-16 06:31:57
usano imrobot pr risparmiare manod'opera in lavori che permetterebbero a molti di gudagnarsi la vita.Perfezionismo svienza e tecnica applicati a procedimenti banali , da rendere velocissimi e ripetitivi.Invece in lavori pericolosi e pesanti, con stress fisico, ancora devono venire e forse mai verranno
2018-05-16 06:16:14
Davanti ad argomenti così seri e drammatici c’è chi va avanti a scrivere sciocchezze sulla Euganea e sul Veneto. Non ho parole!
2018-05-15 21:51:57
comunque, non è che un forno elettrico è posizionato "IN ALTO" diventa un ALTOFORNO...
2018-05-15 20:22:17
i vestiti ignifughi servono per ritardare l'effetto del metallo fuso e non per fermarlo. le tute dei piloti servono a ritardare l'effetto delle fiamme ma se il pilota non viene tirato fuori sono cavoli amari per lui.
2018-05-16 19:24:34
Correttissimo