Carica la prostituta in auto, consuma e va a casa. Poi scopre che gli manca qualcosa

PER APPROFONDIRE: auto, fara, furto, prestazione, prostituta, tablet, vicenza
Carica la prostituta in auto, consuma e va a casa. Poi scopre che gli manca qualcosa
VICENZA - Il desiderio di passare una mezzora in compagnia di una prostituta è costato caro a un 63enne residente a Fara Vicentino. Poco dopo la mezzanotte di ieri l’uomo in auto ha raggiunto Vicenza, via San Lazzaro dove ha contattato, caricato e pagato una prostituta. I due hanno raggiunto la vicina via Rattazzi per appartarsi. La lucciola abile nel “distrarre” il cliente avrebbe afferrato un tablet appoggiato sul sedile posteriore.

Il 63enne ha scoperto il furto soltanto sulla strada di casa, così è tornato indietro e ha trovato la prostituta ancora in strada, in attesa in un altro cliente. Alla richiesta di restituire il tablet la lucciola ha negato il furto e si è allontanata. L’uomo così ha chiamato il 113 e denunciato il furto con descrizione della donna: alta 1.70, accento dell’Est Europa, capelli castani e pelle olivastra.
© RIPRODUZIONE RISERVATA

Martedì 15 Maggio 2018, 17:39






Condividi su Google+ Commenta
<< CHIUDI
CONDIVIDI LA NOTIZIA
Carica la prostituta in auto, consuma e va a casa. Poi scopre che gli manca qualcosa
CONDIVIDI LA NOTIZIA
DIVENTA FAN
SEGUICI SU TWITTER
COMMENTA LA NOTIZIA
5 di 17 commenti presenti
2018-05-16 06:13:15
Si, basta vedere come scrive enricchionesecondo...hahahahahaahahahahahaahahahahahaahahahahaa......qual''è la verità ? Un' altra che rode....ciao.
2018-05-15 18:49:54
Qual'è il piatto che rappresenta bene vicenza ? Il baccalà ? A si....hahahahahahaahhaha....ciao enrico..ciao.
2018-05-15 19:20:32
A volte succede il contrario: uno imbarca una "prostituta" ma poi scopre che c'e' "qualcosa" di troppo...
2018-05-16 06:55:55
Che pollo
2018-05-15 19:46:14
Qual è. Senza apostrofo. In Veneto sappiamo scrivere correttamente.