«Ho forti mal di pancia»: Michela muore a 48 anni, tre medici indagati

PER APPROFONDIRE: indagati, medici, michela ravazzolo, morta, padova
«Ho forti mal di pancia»: Michela  muore a 48 anni, tre medici indagati

di Marco Aldighieri

PADOVA - Una padovana di 48 anni, Michela Ravazzolo, è morta nella sua abitazione dopo due giorni di agonia. La donna, tra Pasqua e Pasquetta, è stata visitata da tre medici per nausea e dolori allo stomaco. Tutti e tre le hanno diagnosticato una gastrite, la donna la mattina del 4 aprile è deceduta. Ora nel registro degli indagati, per il reato di omicidio colposo, sono stati iscritti il dottore della guardia medica, il dottore del pronto soccorso e il medico di famiglia.

  
© RIPRODUZIONE RISERVATA

Mercoledì 11 Aprile 2018, 10:45






Condividi su Google+ Commenta
<< CHIUDI
CONDIVIDI LA NOTIZIA
«Ho forti mal di pancia»: Michela muore a 48 anni, tre medici indagati
CONDIVIDI LA NOTIZIA
DIVENTA FAN
SEGUICI SU TWITTER
COMMENTA LA NOTIZIA
5 di 54 commenti presenti
2018-04-11 16:10:03
Anni '80, trasferta in Germania. In albergo un collega si è sentito male ed è svenuto in bagno, cadendo ha battuto la testa. Al pronto soccorso è stato sottoposto a TAC total-body PRIMA ancora di vedere i documenti e il modulo E101. E' passato letteralmente dalla barella dell'ambulanza al piano del tomografo. Un altro mondo, appunto.
2018-04-11 13:05:38
Taglia , taglia , taglia, viva la politica Europea ed italiana che l'ascolta.
2018-04-11 17:47:09
Una leucemia o un linfoma per UNA tac ? Va bene che allora non c'erano le multibanco, le dual energy, i dosaggi ALARA, ma suvvia... P.S. Le prime TAC, che facevano solo cranio, avevano un tempo di acquisizione di 10 MINUTI. (e 3 ore di elaborazione per avere un immagine di pochi voxel) Non mi risulta che ci siano state ondate di tumori tra quei primi pazienti.
2018-04-11 13:11:16
Troppo affollati i pronto soccorso! I medici NON sono macchine e possono sottovalutare sintomi generici, come il mal di stomaco che molto spesso NON sono sintomo di grave malattia. Condannare chi sbaglia perchè vede cinquanta persone al giorno e qualcuna gli sfugge NON è giusto! Andrebbe colpevolizzata la struttura che NON ha abbastanza personale, e chi (politici) li ha ridotti, inviando in pochi centri i cittadini di una intera provincia. I medici NON possono essere infallibili, specie se STANCHI e di fretta.
2018-04-11 10:57:58
Classica cantonata, prendere per gastrite ben altro.Ma per una rapida indagine con strumenti..occorre un miracolo?Si sfora il bilancio?Uno specialista si sta facendo promotore di competenze ecografiche immesse nel curriculum di base per professione medica.Un esametto o stage, tanto poi l'ecografo costa sempre meno e un medico lo scala dall'Iva e ci azzecca pure meglio, magari inviando a specialista del settore dopo una prima battuta.Adesso..un processo costera'sempre di piu' e nessuno resuscita al Povera Signora.