Torino, la madre del 17enne che si è lanciato da un ponte: «L'hanno ammazzato i bulli»

PER APPROFONDIRE: bulli, suicidio, torino
La madre del 17enne lanciatosi dal ponte: «Ammazzato dai bulli, preso in giro anche il giorno del funerale»
«Mio figlio è nato sano. Poi, a sei mesi, dopo un vaccino, si è ammalato. Aveva problemi alle braccia e alle gambe e faticava a muoversi. E c'erano le prese in giro, gli sfottò. Era vittima di bullismo e per questo, prima di compiere 18 anni, si è ammazzato». Lo denuncia Maria Catambrone Raso, mamma di Michele, che il 23 febbraio si è ucciso lanciandosi da un ponte ad Alpignano, nel Torinese. La donna si è rivolta ai carabinieri, che stanno analizzando il computer e il cellulare del ragazzo.

«L'ha ucciso chi lo umiliava», insiste la madre. «Lui aveva voglia di vivere, cercava una pacca sulla spalla, un amico, una ragazza - prosegue -. Ma ha trovato solo risate cattive e porte in faccia». Michele sognava di diventare pasticcere. Aveva diverse passioni: il nuoto, la palestra. «Voleva farsi i muscoli, lui che era così magro», spiega la madre, 51 anni. «Ammirava gli youtuber e aveva caricato anche qualche video online. Faceva di tutto per farsi notare dai suoi coetanei. L'hanno ammazzato i bulli. Gli stessi che hanno continuato a prenderlo in giro anche il giorno del suo funerale. Mai più avrei immaginato che mio figlio arrivasse a tanto».

LEGGI ANCHE: Palermo, la denuncia a 13 anni sull'App della polizia: «Sono vittima di bullismo»
© RIPRODUZIONE RISERVATA

Lunedì 12 Marzo 2018, 18:54






Condividi su Google+ Commenta
<< CHIUDI
CONDIVIDI LA NOTIZIA
Torino, la madre del 17enne che si è lanciato da un ponte: «L'hanno ammazzato i bulli»
CONDIVIDI LA NOTIZIA
DIVENTA FAN
SEGUICI SU TWITTER
COMMENTA LA NOTIZIA
5 di 17 commenti presenti
2018-03-12 20:27:04
Povero ragazzo, spero che i bulli abbiano sensi di colpa fino alla fine dei loro miseri giorni.
2018-03-13 11:30:44
Uno studente che avanza verso la scuola con le stampelle, perde l'equilibrio e si appoggia malamente alla rete di recinzione.E' in difficolta' per riprendere la camminata..altri allievi con cuffiette e sigarette lo vedono e non si muovono, non fanno mezzo passo...finalmente un docente che sta entrando da' un mano. Nord Est, visto stamane.In passato, compagno di classe di mio figlio, preso in giro dai soliti bulli per avere una sorella Down.Poi pero' per le feste ed i matrimoni, tutti in Chiesa.( segue pranzo o rinfreco con dj che allieta.)
2018-03-12 21:45:40
Se dopo le opportune verifiche venga appurato che è vero allora una seria e certa punizione a questi ragazzi cretini ed altrettanto ai loro genitori
2018-03-12 20:20:54
Trova pace e serenità ovunque tu vadi. Ciao piccolo
2018-03-13 09:06:19
Il fenomeno dei c.d. bulli, come le baby gang, una forma riduttiva, che io li definisco piccoli delinquenti, con le premesse che grandi continueranno su questa strada, che agiscono per motivi diversi ma che hanno in comune lo stesso obiettivo che e' quello di colpire vigliaccamente la persona, spesso mite e piu' debole, i governi che abbiamo avuto fino ad oggi hanno pericolosamente sottovalutato il problema e se non corrono ai ripari con leggi che puniscono severamente questi personaggi e con un'appropriata educazione a tutti i livelli: famiglia, scuola, societa' ecc. la piaga e' destinata ad allargarsi. Le vittime generalmente sono i giovani che sono i pilastri della futura societa' di cui abbiamo tanto bisogno per dare continuita' alla vita sociale ed economica del nostro Paese. Le persone di buon senso si devono ribellare a questo fenomeno per estirparlo dalle sue radici una volta per tutte.