Lascia la moglie "in pegno" in hotel e scappa senza pagare il conto

PER APPROFONDIRE: hotel, moglie, pegno, roberto esposito, zoppola
Foto generica di repertorio
PORDENONE - Due mesi e mezzo in albergo, chiedendo specificamente formaggio brie a colazione per la sua signora e complimentandosi in continuazione per la bravura dell’anziana cuoca. Roberto Esposito, 59 anni, originario di Salerno e all’epoca domiciliato in via Cometa a Porcia, ha lasciato l’Albergo ristorante Tuan di Zoppola il 27 aprile del 2016 lasciano la consorte come “pegno”: un escamotage per far credere all’albergatore che sarebbe tornato in serata a saldare in conto.

Esposito non si è fatto più vedere e anche la sua compagna è sparita lasciando un debito di 1.950 euro. Ieri il 59enne è stato processato per insolvenza fraudolenta. Dall’8 febbraio al 27 aprile 2016 aveva pernottato e consumato i pasti assieme alla propria compagna all’Albergo Tuan. Inizialmente aveva versato qualche acconto. «Non ti preoccupare che ti saldo anche il resto», diceva al titolare che lo sollecitava a pagare il conto. L’ultimo giorno di permanenza in albergo uscì dicendo che sarebbe tornato più tardi a prendere la moglie e a consegnare i 1.950 euro che spettavano alla famiglia Tuan.

 Il pubblico ministero Marco Brusegan aveva concluso per una condanna a un anno di reclusione riconoscendo che Esposito, pur avendo pagando quasi il 50 per cento del conto, aveva architettato il modo per non completare il pagamento. L’imputato era difeso d’ufficio dall’avvocato Giovanni Bonora, che ha ricondotto la “fuga” di Esposito a un improvviso impegno che lo avrebbe portato ad allontanarsi da Zoppola senza riuscire a pagare il conto. Il 59enne è stato condannato a 8 mesi di reclusione. Il giudice Licia Consuelo Marino non gli ha concesso nè le attenuanti generiche nè il beneficio della sospensione condizionale della pena. Secondo il giudice, che ha motivato in aula la sentenza di condanna, Esposito con la sua condotta ha dimostrato una «particolare abilità e spregiudi
© RIPRODUZIONE RISERVATA

Mercoledì 14 Febbraio 2018, 15:08






Condividi su Google+ Commenta
<< CHIUDI
CONDIVIDI LA NOTIZIA
Lascia la moglie "in pegno" in hotel e scappa senza pagare il conto
CONDIVIDI LA NOTIZIA
DIVENTA FAN
SEGUICI SU TWITTER
COMMENTA LA NOTIZIA
5 di 11 commenti presenti
2018-02-14 23:14:45
I soliti campani... brutta gente ha ha ... segna segna!
2018-02-14 21:56:20
E quando utilizzano il termine professionisti per dei ladri particolarmente scaltri? Viene più elogiato il ladro del derubato che lavora onestamente in questo mondo alla rovescia. Fa comunque ridere la reclusione per questo e la scarcerazione di assassini,stupratori e ladri
2018-02-14 21:10:44
sicuramente il giudice è un "paesan", altrimenti non sarebbe "il giudice".
2018-02-14 21:09:32
la sentenza mi sta benissimo. Mi sorprende semmai il fatto che e' la prima volta che leggo di un giudice che non concede le attenuanti generiche come la condizionale per reati di questo tipo
2018-02-14 16:32:26
come si fa a definire "abilità" la semplice arte del rubare ?