Italo è stata venduta agli stranieri ma nessun italiano ha fatto un'offerta

Caro Direttore,
ma in conclusione, hanno fatto bene o male gli azionisti di NTV-Italo, a vendere il loro capitale al più grande fondo di investimento americano: Global infrastructure Partners (GIP)?

Gino De Carli
Soranzen (BL)


 Caro lettore,
la nascita di Italo è stata accompagnata da diffidenze, scetticismo e non pochi ostacoli. Fare la concorrenza a Trenitalia e alle Ferrovie dello Stato era una sfida impegnativa e rischiosa. E infatti le difficoltà non sono mancate. Ma va anche ricordato che quando Ntv ha avuto problemi e ha attraversato periodi difficili non si sono visti frotte di imprenditori italiani in fila davanti alla sua porta pronti ad investire e a intervenire nel capitale. A consentire a Italo di continuare a far viaggiare i suoi treni è stato soprattutto il sistema bancario. Poi c'è stata una svolta. Che in larga parte è coincisa con l'arrivo di Flavio Cattaneo, uno dei nostri migliori manager, alla guida operativa dell'azienda a fianco di Luca di Montezemolo. I conti e l'efficienza di Ntv Italo hanno cominciato a migliorare tanto che l'azienda era pronta ad entrare in Borsa. Ed ecco che sono arrivati gli americani. Con un'offerta economica difficile da rifiutare. Qualcuno dopo il sì alla vendita da parte dei soci italiani ha storto il naso e ha parlato di ennesima azienda tricolore finita nelle mai degli stranieri. In realtà Italo è la dimostrazione che nel nostro Paese c'è ancora un grande spazio per intraprendere e creare ricchezza. Dopodiché per investire ci vogliono capitali, strategie e coraggio di rischiare. Nessuno impediva a imprenditori italiani di fare un'offerta simile o migliore a quella del fondo Usa. Ma nessuno l'ha fatta. E questa è la realtà dei fatti. Piaccia o non piaccia.
© RIPRODUZIONE RISERVATA

Martedì 13 Febbraio 2018, 16:28






Condividi su Google+ Commenta
<< CHIUDI
CONDIVIDI LA NOTIZIA
Italo è stata venduta agli stranieri ma nessun italiano ha fatto un'offerta
CONDIVIDI LA NOTIZIA
DIVENTA FAN
SEGUICI SU TWITTER
COMMENTA LA NOTIZIA
5 di 17 commenti presenti
2018-02-13 16:43:49
I grandi imprenditori nazionali come Montezemolo di ispirano a un unico pensiero macroeconomico . E' la cosiddetta "Terza via economica italiana" : capitalista nei guadagni e socialista nelle perdite . In pratica : "Se va bene mi tengo il malloppo , se va male paga Pantalone ". Proviene dal Gruppo Fiat l'intrepido Luca Cordero : lo Stato ha dato tanti di quei soldi a Agnelli e succedanei che avrebbe risparmiato regalando un Golf a tutti gli italiani .
2018-02-13 17:22:17
........" per investire ci vogliono capitali, strategie e coraggio di rischiare e.....paludi politico-burocratiche da scavalcare,...... gli anglos ,vanno giu' a muso duro e quando si tratta di soldi,muovono anche dio....a differenza degli italiani,tremebondi come filosofi....!
2018-02-13 18:27:05
Dimentica che la"Terza via economica italiana" vede il capitalista nei guadagni, socialista nelle perdite ed europeista o globalista nelle tasse (Lussemburgo come Montezemolo, Svizzera, Irlanda, e paradisi fiscali vari--come Antigua).
2018-02-13 20:23:41
Ad un italiano non conviene fare impresa in Italia, tutte le agevolazioni sono per gli stranieri, vedasi le agevolazioni e detrazionk fiscali che godono i cinesi con i bar, in piu, cosa non indifferente con la proprietà straniera si riduce l'influenza dei sindacati.
2018-02-13 17:42:28
@@ Egr. Direttore, ma che '' offerta simile o migliore '' a quella del fondo USA vuole che facciano gli italiani,che gia' ci hanno ridotti in mutande e tra poco ci porteranno via anche quelle,incuranti del freddo tropicale della stagione.Senza contare i problemi che poi avrebbero creato i sindacati,i migranti portoghesi che non pagano il biglietto ma anzi ti riempiono di botte ?! No no,meglio che abbiano comprato gli Yankee,che tanto ormai stiamo svendendo tutto,la moda ai Francesi,l'alimentare a Svizzeri-Tedeschi-Francesi, hotels e lusso agli Emirati,bar e ristoranti ai Cinesi.Senza contare le aziende che hanno gia' e ancora stanno delocalizzando. Alitalia non so come finira',ma non la vedo bene. In compenso ci teniamo la produzione di carrube,pinoli,peperoncini e fave lupine del Salento. Devono ancora arrivare gli Indiani,ma non manca molto. Rispettosi ossequi.