Martedì 13 Febbraio 2018, 11:44

Pamela, la pista che porta ai crimini rituali nigeriani

PER APPROFONDIRE: macerata, omicidio, pamela mastropietro
Pamela, la pista che porta  ai crimini rituali nigeriani

di Rosalba Emiliozzi

C’è un quarto indagato, a piede libero, nell’ambito dell’inchiesta sulla morte di Pamela. E una pista - che per la procura non è quella privilegiata - che potrebbe collegare lo scempio sul corpo della ragazza a crimini tribali diffusi nei villaggi nigeriani. Il quarto indagato è un rifugiato 40enne - anche lui nigeriano - che era in contatto telefonico con uno degli arrestati, Innocent Oseghale. E’ stato sentito tra venerdì e sabato dai carabinieri di Macerata. «Al momento non...
CONTINUA A LEGGERE L'ARTICOLO
Condividi su Google+ Commenta
<< CHIUDI
CONDIVIDI LA NOTIZIA
Pamela, la pista che porta ai crimini rituali nigeriani
CONDIVIDI LA NOTIZIA
DIVENTA FAN
SEGUICI SU TWITTER
COMMENTA LA NOTIZIA
5 di 15 commenti presenti
2018-02-13 14:30:47
1) Pamela, diciotto anni, uccisa, mutilata, gli organi scomparsi, probabilmente mangiati da un gruppo di spacciatori nigeriani, come da macabro rituale tipico della loro criminalità tribale. Spacciatori lasciati liberi di entrare in Italia e di circolarvi, come altri milioni di persone, grazie alle politiche contro i «muri» - cioè contro la difesa degli italiani - attuate dal governo. Uno di loro addirittura ospitato in un Hotel a spese del nostro popolo, quasi a significare un impegno solerte dei politici a metterci sotto scacco, a fare di noi ostaggio di gruppi criminali, a favorire l'insediamento nel nostro Paese di quella mafia nigeriana ormai preponderante nel traffico di droga e di prostituzione, specializzata nell'omicidio rituale con mutilazione e cannibalizzazione delle vittime. 2) Manifestazione di protesta a Macerata. Contro l'immigrazione? Contro il governo che paga coi nostri soldi il soggiorno dei mafiosi nigeriani? Contro l'assassinio, la mutilazione e l'asportazione degli organi di una povera innocente? No, contro il «fascismo». 3) Dichiarazione di Gentiloni, dopo l'incontro in un colloquio riservato con Soros avvenuto qualche settimana fa. Con Soros, l'uomo più ricco del mondo, il finanziatore delle migrazioni, il teorico della società-senza-popolo, senza identità e senza sovranità. Gentiloni: «Promettere la fine dei flussi migratori sarebbe impossibile e anche sbagliato». Se non avete ancora capito che questo è un piano preciso di aggressione contro il popolo italiano, beh, allora avete qualche problema.
2018-02-13 12:27:08
Alcuni centinaia di anni fa (ca 1400 DC) mappe Italiane riportavano l'avvertimento ai naviganti "umani che MANGIANO altri umani" (ancora visibili); oggi si chiamano "rituali nigeriani"......la sostanza non cambia. COSA si fa, ora che la "montagna e' arrivata a Maometto" e cioe' tutti questi "profughi" sono arrivati e stati "accolti" in Italia? I cortei (di sx, c,dx) non servono a NULLA -- non e' un problema essenzialmente legato all'ambiente di accoglienza o alle persone che accolgono questi "profughi" ma sono le culture e i bisogni da cui provengono questi "profughi" le sorgenti di principali problemi....e ci dobbiamo tenere in Italia tutte queste "risorse" (Trattato di Dublino)..la UE lo ha riconfermato la scorsa settimana. Grazie autorita' di Roma e della UE. Povera Italia.
2018-02-13 13:02:16
come afferma la boldrini, le loro tradizioni ci arricchiscono
2018-02-13 15:41:23
Il ministro Minniti in questi giorni gioca a nascondino. Nessun nessunissimo delle istituzioni governative ha spiegato agli italiani le motivazioni per cui sono stati rilasciati i permessi di soggiorno a questi 4 nigeriani.
2018-02-13 14:48:22
L'avevo detto... Ci portiamo a casa fanatici islamici, pazzi assassini tribali...