Pestato per aver difeso una donna: «Tutti guardavano senza aiutarci»

PER APPROFONDIRE: aggressione, beffa, difesa, padova, pestaggio, ticket
Sgridano il migrante: anziano pestato «Tutti guardavano senza aiutarci»

di Gabriele Pipia

PADOVA - La busta del ghiaccio sulla bocca, per evitare che il labbro si gonfi ancora dopo quel terribile colpo. La fasciatura sul sopracciglio, dove è stato centrato da un violento pugno. E poi la polo ancora sporca di sangue sul colletto, perché dal luogo dell'aggressione lui è stato accompagnato direttamente al pronto soccorso di Padova. 
G.F., 65enne magazziniere in pensione, se l'è vista davvero brutta. Voleva rendersi utile e prendere le difese di una donna, è finito per subire un violento pestaggio che avrebbe potuto avere anche conseguenze ben peggiori.  Seduto su una seggiola di un corridoio ospedaliero, ripensa a quello che è successo poche ore prima e spera di svegliarsi da un brutto sogno. Accanto a lui, la moglie non lo lascia solo un momento: ha assistito all'intera scena, ha chiamato il 113 per chiedere aiuto e ora parla con le infermiere per capire quanto a lungo suo marito dovrà tenere quei fastidiosi i punti. G.F., padovano doc («e tengo a precisarlo») chiede di non essere reso riconoscibile. «Perché chi mi ha aggredito sarà presto fuori - sottolinea con tono decisamente amaro -. E se viene a cercarmi, come potrei difendermi? Meglio non avere più niente a che fare». 

L'AGGRESSIONE Marocchino sgridato da un'anziana Aggredisce a testate un passante



«Oltre il danno la beffa - esordisce - perché naturalmente saremo noi a pagarci queste cure mediche. Non so quanto ci costeranno, ma che colpa ne abbiamo noi? A questo punto la prossima volta conviene starsene in disparte, anziché tentare di prendere le difese di una signora».  C'è poi un altro aspetto che manda in bestia la donna: «Molte persone hanno assistito alla scena, ma erano ferme. Come se fossero davanti ad uno spettacolo. Nessuno ha pensato di tirar fuori il telefono e chiamare le forze dell'ordine. Ho dovuto farlo io, che ero già abbastanza presa dal soccorrere mio marito»...
 
 
© RIPRODUZIONE RISERVATA

Domenica 11 Febbraio 2018, 12:00






Condividi su Google+ Commenta
<< CHIUDI
CONDIVIDI LA NOTIZIA
Pestato per aver difeso una donna: «Tutti guardavano senza aiutarci»
CONDIVIDI LA NOTIZIA
DIVENTA FAN
SEGUICI SU TWITTER
COMMENTA LA NOTIZIA
5 di 143 commenti presenti
2018-02-11 17:11:13
Con tanta amarezza dobbiamo dire che..siamo veramente diventati lo zerbino del mondo!:(
2018-02-11 17:01:24
Non si possono giustificare coloro che non sono intervenuti. Ma bisogna anche tener presente che avrebbero corso il rischio di trovare sulla loro strada il giudice del capotreno.....
2018-02-11 19:19:23
Se fosse intervenuto qualcuno, bianco e cristiano, sarebbe stato accusato di razzismo. Ecco perchè nessuno interviene in queste situazioni. La bilancia pende solamente dalla parte delle risorse; almeno fino al 5 Marzo.
2018-02-11 19:48:10
Quando arrivano sono un costo (accoglienza vitto e alloggio), poi fanno danni di vario genere (cose e/o persone), se li metti in carcere sono un costo, se li lasci liberi ritornano a fare danni... i libri di storia raccontano di alcuni accorgimenti
2018-02-11 16:34:43
E va bene, facciamo l'ipotesi che io, per difendere la donna, mi avvicino e mollo un pugno al marocchino, rompendogli magari il setto nasale. Credo che per risarcimento gli dovrò regalare il mio appartamento.