L'ordine ai candidati M5s: fango sui rivali. ​«Trovate nefandezze e foto imbarazzanti»

L'ordine ai M5s: fango sui rivali  «Nefandezze e foto imbarazzanti»

di Alda Vanzan

Una macchina del fango. Così il Movimento 5 Stelle in Veneto ha deciso di impostare la campagna elettorale per le elezioni politiche del 4 marzo. Gli avversari, di qualsiasi schieramento, dovranno essere fatti a pezzi. Di ciascuno dovrà essere tirato fuori “tutto il peggio che si può tirar fuori”. Dovranno essere trovate “nefandezze”. “Foto imbarazzanti”. Insomma, “tutto quello che può servire a fare campagna negativa su di loro”. Così dice la direttiva impartita da Ferdinando Garavello, responsabile della comunicazione in Veneto del Movimento guidato da Luigi Di Maio, ai 56 candidati alla Camera e al Senato. Che, alla richiesta di spiegazioni, risponde così: «È un’operazione trasparenza».



E pensare che nel 2014 il cofondatore del Movimento, Gianroberto Casaleggio, si era scagliato contro “i professionisti del fango” che “stanno preparando dossier su di me e la mia famiglia prima delle europee” e li aveva invitati “a non perdere il loro tempo”. Tant’è, adesso a lavorare di dossieraggi e pronti a spalare veleni contro gli avversari sono proprio i candidati pentastellati...



 
 
© RIPRODUZIONE RISERVATA

Venerdì 2 Febbraio 2018, 06:30






Condividi su Google+ Commenta
<< CHIUDI
CONDIVIDI LA NOTIZIA
L'ordine ai candidati M5s: fango sui rivali. ​«Trovate nefandezze e foto imbarazzanti»
CONDIVIDI LA NOTIZIA
DIVENTA FAN
SEGUICI SU TWITTER
COMMENTA LA NOTIZIA
5 di 176 commenti presenti
2018-02-03 11:37:19
DImentica che non si può tirare fango a chi non ha fatto nulla. M5S PUO E DEVE far sapere a tutti quali nefandezze gli altri partiti hanno compiuto. Rimanga pure nell'antica Roma, che il mondo va avanti anche senza di lei.
2018-02-03 18:18:57
"non si può tirar fango a chi non ha fatto nulla"? beata ingenuità.
2018-02-03 06:39:04
Proprio ieri , 12 febbraio, puntata Rai- Storia su "Il caso Montesi", un delitto irrisolto, forse neppure un delitto, ma due imputati tormentati e poi assolti conformula piena.Uno dei due era figlio dell'onorevole Montesi DC, delfino di De Gasperi, la cui promettente carriera venne segata.Persino un giudice coinvolto, venne fotografato con moglie per strada, con sullo sfondo un noto postribolo anni 50 ante legge Merlin...e dal semplice accostamento casuale parti' una campagna diffamatoria. Per fortuna votero' per candidato( neutro) che conosco e stimo , un caso raro.Ma so che anche in passato era partita la macchina del fango...col passaparola sussurato da bar..
2018-02-03 10:31:29
Ieri era il 2 febbraio.....
2018-02-03 12:05:54
Piccioni,Piccioni,se vuoi apparire il brillante intellettuale che non sei,cerca almeno di informarti meglio.Basta wikipedia.