Nonni 90enni al volante, strage di punti patente: scatta l'indagine sui nipoti furbetti

PER APPROFONDIRE: denuncia, nipoti, nonni, patente, verona
Nonni 90enni al volante, strage di punti patente: scatta l'indagine sui parenti "furbetti"
VERONA - Troppi nonnetti "arzilli" al volante non inclini a rispettare il codice, al punto da 'bruciare' i punti della patente. Accade a Verona, ma la Polizia municipale nutre più di qualche dubbio sul fatto che le cose stiano proprio così.

Sono oltre una trentina, infatti, gli ultra 90enni veronesi a cui sono stati tolti i punti dalla patente, e oltre duecento i maggiori di 80 anni. Il dato, decisamente sorprendente, emerge dall'analisi sull'età dei conducenti che si sono dichiarati alla guida di veicoli, ai quali da parte della Polizia municipale non è stato possibile contestare infrazioni dei limiti di velocità, talvolta anche superiori di 60 km  orari al massimo consentito. Il sospetto è che qualcuno faccia il furbetto, appioppando all'ignaro nonnetto, che l'auto non la usa neppure più, infrazioni mai commesse.

«Su questo fronte - ricorda il comandante, Luigi Altamura - le conseguenze per le false dichiarazioni dei proprietari di veicoli comportano denunce penali, come accaduto in sei casi nel 2017, dove la Polizia municipale ha dimostrato l'impossibilità della guida degli anziani segnalati alla guida, perché ricoverati in casa di riposo o immobilizzati presso la propria abitazione».

Nel 2017 sono scesi a 19.215 i punti-patente decurtati dalla Polizia municipale veronese per comportamenti scorretti alla guida. Un dato in calo rispetto al 2016 (erano stati 20.235) e ancor più basso rispetto al 2015 (24.994 punti). Tra le principali cause della decurtazione resta l'alta velocità (4.878 punti tolti), seguita dal divieto di sosta su stalli bus e invalidi (2.934 punti), dalla mancata precedenza (2.475 punti), dalla guida in stato di ebbrezza (1.900 punti) e dall'utilizzo del cellulare alla guida con 1.395.

 
© RIPRODUZIONE RISERVATA

Sabato 13 Gennaio 2018, 18:45






Condividi su Google+ Commenta
<< CHIUDI
CONDIVIDI LA NOTIZIA
Nonni 90enni al volante, strage di punti patente: scatta l'indagine sui nipoti furbetti
CONDIVIDI LA NOTIZIA
DIVENTA FAN
SEGUICI SU TWITTER
COMMENTA LA NOTIZIA
5 di 13 commenti presenti
2018-01-14 10:19:14
Troppo comodo...iniziate a fermare la gente in strada piuttosto che stare a poltrire in ufficio. E’ pieno di gente col cellulare alla guida e nessuno che fa niente...vergogna!
2018-01-14 09:21:53
la sicurezza sulla strada non si fa con gli autovelox, a meno che non siano presenti le forze di polizia che ti fermano e ti multano subito
2018-01-13 21:32:11
Solo 1300 per guida usando il cellulare ? ENNESIMA CONFERMA che le multe si fanno con comodo, stando seduti a guardare foto o multando auto parcheggiate. Troppo difficile fermare e contestare gli innumerevoli telefoninatori al volante ... italia. Per altro il nostro immarcescibile parlamento (minuscolo) ha pensato bene di rimandare alla prossima legislatura il provvedimento che ritirava la patente a chi telefona o messaggia guidando. italia
2018-01-13 19:44:40
Infatti era così. Ma poi hanno pensato che fosse una norma non in linea con il resto del codice, che favorisce i ricchi. Qualsiasi infrazione se sei ricco diventa irrilevante, se sei povero può essere equivalente alla pena di morte.
2018-01-13 19:04:58
Invece chi è danaroso, paga un obolo e non dichiara chi era alla guida. Non sarebbe stato più giusto, in assenza di dichiarazione, togliere i punti al proprietario del veicolo?