Latorre, la moglie del marò chiede il divorzio: "Ha abbandonato i suoi tre figli"

Massimiliano Latorre
La moglie di Massimiliano Latorre ha chiesto il divorzio. Il marò accusato insieme al collega Salvatore Girone di aver ucciso per errore due pescatori al largo del Kerala poiché scambiati per pirati si troverà in settimana a fronteggiare l'udienza per il divorzio chiesto da Rosalba Ancona, madre di tre dei suoi quattro figli. 

LEGGI ANCHE ---> Giulia, la figlia di Massimiliano Latorre: "I Marò non sono eroi, abbiamo litigato"

"Ha quasi del tutto abbandonato i suoi figli. Non è venuto nemmeno al compleanno dei 18 anni della più grande. Ormai se ne disinteressa e non rispetta minimamente le decisioni del giudice", ha raccontato a Repubblica la donna sposata alla fine degli anni '90. Dalle sue parole emerge il ritratto di un padre distante, nonostante nel 2014 sia tornato in Italia in seguito all'ictus che lo ha colpito mentre era ancora in India. "Nessuno vuole mettere in dubbio il suo operato all’interno della Marina, ma come famiglia siamo distrutti. L’ultima volta che ha visto i suoi figli è stato lo scorso agosto: adesso forse li incontrerà qualche giorno per le vacanze di Natale. Ma hanno bisogno di un padre presente, che si occupi di loro", ha spiegato la signora Ancona, che ha anche parlato di minacce ed episodi di violenza per il quali aveva sporto denuncia salvo ritirarla in concomitanza con le accuse in India. 

 
© RIPRODUZIONE RISERVATA

Domenica 10 Dicembre 2017, 11:37






Condividi su Google+ Commenta
<< CHIUDI
CONDIVIDI LA NOTIZIA
Latorre, la moglie del marò chiede il divorzio: "Ha abbandonato i suoi tre figli"
CONDIVIDI LA NOTIZIA
DIVENTA FAN
SEGUICI SU TWITTER
COMMENTA LA NOTIZIA
5 di 39 commenti presenti
2017-12-11 18:23:40
Infatti da tempo me lo chiedevo: E i maro' ?
2017-12-11 10:23:55
Mah...non direi...visto e considerato che i proiettili che hanno ucciso i pescatori (7.62) non sono compatibili con le armi che aveva in dotazione (5.56), che le traiettorie dei proiettili che hanno ucciso i pescatori sono suborizzontali e quindi non sono compatibili con le traiettorie di proiettili esplosi da 40 metri di altezza e che le posizioni GPS dei pescatori e della petroliera non sono compatibili... Prima di affibbiare in etichetta bisognerebbe informarsi e non prendere posizione solo per schieramento politico...gli asini non volano, nemmeno bassi, anche se lo scrive l'organo ufficiale di partito.
2017-12-11 15:56:36
ufficiale di marina? Attualmente Sottufficiale (e prima presumibilmente di grado più basso), a quanto risulta dalla biografia. Più rispetto per i bagnini comunali!
2017-12-10 20:51:38
Un militare di scorta, fino a che un tribunale non dimostri eventualmente il contrario: cosa che NON e' finora avvenuta!!!
2017-12-13 00:06:48
È trapelato che la nave e' stata condotta in porto sotto tiro da unità indiane. Poiche' l'ingaggio e' avvenuto in acque internazionali, India e Italia hanno subito convenuto una versione di comodo, ovvero che il comandante decise di rientrare in porto accogliendo un semplice invito via radio. La versione ufficiale permetteva all'India di evitare una pesante accusa e alimentava le speranze italiane per una "composizione" politica della vicenda. Purtroppo il tutto e' avvenuto a ridosso di una tornata elettorale indiana.