Otto ex dirigenti del Comune contro il sindaco Brugnaro: «Vuole i signorsì»

Luigi Brugnaro

di Elisio Trevisan

VENEZIA -  Dietro allo scontro tra Amministrazione Brugnaro e dipendenti e Sindacati del Comune ci sarebbe la volontà di privatizzare tutto. Lo affermano, con una lunga lettera, otto tra i più importanti dirigenti di Ca' Farsetti andati di recente in pensione: alla scadenza di metà mandato, rivolgono un appello a sindaco e assessori affinché invertano la rotta, «perché non valorizzare le risorse umane e le professionalità è il vero spreco attuato da un'amministrazione; e al contempo invitano i dipendenti a essere «consapevoli che va sempre contrastata ogni svalutazione del loro lavoro, un ulteriore rischio di svalutazione del lavoro in generale».

IL SINDACO
Il sindaco, interpellato, non ha ritenuto per ora di rispondere, riservandosi una ulteriore valutazione.
La «superficiale e preconcetta valutazione negativa del lavoro svolto dai dipendenti» del Comune e delle Partecipate diventa «pericolosamente funzionale alla sottrazione di importanti realizzazioni e servizi alla diretta gestione pubblica». Vale a dire che dietro allo scontro, che passa anche per la valutazione negativa delle relazioni sindacali, c'è appunto il tentativo di «avvalorare l'idea che l'esistenza e la qualità dei servizi si possono ottenere solo esternalizzando e privatizzando»...
 
 
© RIPRODUZIONE RISERVATA

Giovedì 7 Dicembre 2017, 11:15






Condividi su Google+ Commenta
<< CHIUDI
CONDIVIDI LA NOTIZIA
Otto ex dirigenti del Comune contro il sindaco Brugnaro: «Vuole i signorsì»
CONDIVIDI LA NOTIZIA
DIVENTA FAN
SEGUICI SU TWITTER
COMMENTA LA NOTIZIA
5 di 11 commenti presenti
2017-12-07 11:21:26
La Partecipata e' gia' una forma di esternalizzazione. Se pure la Partecipata deve esternalizzare, la si puo' tranquillamente chiudere... ma se l'obbiettovi e' unicamente dare tutto in mano a UMANA, Attiva, etc... io vedo anche risvolti non solo politici, ma penali!...
2017-12-07 12:05:29
Onestamente la Gestione Brugnaro non è che abbia brillato in questi due anni di gestione, ne mancano ancora tre e per forza, considerato il dissesto trovato, bisogna dargli fiducia, ma quello che non si riesce a vedere è il disegno complessivo del rinnovamento, prendersela con i dipendenti va bene per un po', ma alla lunga se non ci sono innovazioni, sui trasporti, sulle municipalizzate, Actv in testa, sul casinò, sul traffico acqueo e perchè no sulla residenzialità, sul porto etc. , anche la scelta di cambiare eleggendo una giunta Lega-forza Italia guidata da un imprenditore sarà stata la riprova che gli slogan e le battute tanto efficaci in tv, alla fine si rivelano un boomerang, e come sempre a rimeterci sono i Veneziani.
2017-12-07 12:26:08
Fanno prima a promuovere la riforma del lavoro pubblico ed il rapproto tra esso e politica, da che è mondo e mondo lavorare nel pubblico impiego E' politica, provate a parlar di Zaia in Regione e vedreste che è così, o non ho problemi a dir la mia anch a voce ma tanti hanno paura, valorizzazione? E' come quando msotravano le foto di posti esotici ai soldati in partenza per il Vietnam e con questo ho detto tutto, basti pensare anche solo a come in Regione si lavori con i disabili, corsi di formazione con video e senza sottotitoli per i non udenti, non udenti a far segreteria (quando serve telefono), non vedenti in portineria per poi lamentarsi che non riconoscono le persone e non sto scherzando, storia vera.
2017-12-07 14:37:44
Dopo una lunga esperieza li' dentro, posso dire che le cose sono sempre state così e anche peggio. Quando per 30 anni le amministrazioni erano di sinistra questi 8 dirigenti se me stavano zitti ed eseguivano gli ordini. Adesso il colore politico dell'amministrazione e' diverso e questi se ne escono con queste accuse patetiche.
2017-12-07 11:56:35
boh, cacciari ha fatto ilquarto ponte, il più costoso, sul canal grande. orsoni voleva fare definitivo (in pietra)il ponte dell'accademia. costa...costa chi? forse già il nome è bastato...