Il fascismo non è stato la causa, ma la conseguenza della crisi democratica

PER APPROFONDIRE: fascismo, meritocrazia, papetti, razzismo
Egregio direttore,
penso che non dobbiamo sottovalutare il neofascismo nascente. Troppo spesso sento una frase che mi fa rabbrividire: «Ci vorrebbe ancora Mussolini». Tutte le forze antifasciste dovrebbero combattere con ogni mezzo democratico questa mentalità fascista che si sta diffondendo fra i giovani e i meno giovani. I movimenti neofascisti nati in questi ultimi tempi sono sempre più numerosi, e in questa epoca di incertezza è facile convincere le numerose persone che non conoscono la storia del recente passato fascista e delle guerre fasciste in cui perirono 400 mila persone (quasi tutti giovani) e ridussero l'Italia in macerie e affamata. Quando i demagoghi cercano consensi, il razzismo più o meno mascherato ha sempre successo. Nemici da odiare in questo mondo si trovano sempre. Hitler scrive nel Mein Kampf: «Alle masse non bisogna mai parlare al cervello, ma ai sentimenti». E i sentimenti scelti dal dittatore nazista erano l'odio e il razzismo. Non dimentichiamo che in tutte le epoche, e la nostra epoca non fa eccezione, nemici da odiare a cui riversare il proprio razzismo si trovano sempre.

Franco Vicentini
Treviso


-- --

Caro lettore,
siamo d'accordo: il neofascismo va combattuto e osteggiato ad ogni livello. E non vanno neppure sottovalutati episodi come quelli recenti di Como che hanno visto all'opera gli attivisti del Fronte veneto skinheads. Mi consenta però due osservazioni. Sarebbe giusto usare altrettanto rigore e severità quando a rendersi protagonisti di episodi di intolleranza e violenza sono movimenti o gruppi politici di altro colore politico. Non mi sembra accada: eppure anche la memoria degli anni di Piombo dovrebbe essere ben presente nella memoria degli italiani. In secondo luogo è bene non confondere causa ed effetto. I rigurgiti neofascisti sono un sintomo di un malessere più profondo che attraversa la nostra società e che è stato anche fotografato dal recente rapporto Istat. Il modo più efficace per combattere nostalgie e virulenze non è quello di enfatizzare per il proprio tornaconto politico i singoli episodi, ma di comprendere e affrontare disagi e problemi. Il fascismo non è stato la causa della crisi della democrazia, ma una sua tragica conseguenza. Troppo spesso ce lo dimentichiamo.
© RIPRODUZIONE RISERVATA

Domenica 3 Dicembre 2017, 05:06






Condividi su Google+ Commenta
<< CHIUDI
CONDIVIDI LA NOTIZIA
Il fascismo non è stato la causa, ma la conseguenza della crisi democratica
CONDIVIDI LA NOTIZIA
DIVENTA FAN
SEGUICI SU TWITTER
COMMENTA LA NOTIZIA
5 di 20 commenti presenti
2017-12-04 15:48:55
Le anime belle guardano il dito e non la luna. Si stracciano le vesti se un Carabiniere appende una bandiera nostalgica in camera sua o se dei ragazzotti recitano "proclami" in un centro per migranti. A loro NON interessa PERCHE' avvengano queste cose. Ovvero se c'e' una fascia sempre piu' ampia del popolo italiano (quello che lavora onestamente e paga le tasse che li mantengono) che e' sempre piu' stanca della situazione attuale. Magari a breve lo scopriranno direttamente, sulla propria pelle.
2017-12-04 16:12:38
Non per fare revisionismo, ma in Libia, Somalia e Eritrea gli indigeni vivono meglio adesso o quando erano "invasi" ? Gli albanesi hanno risolto la questione trasferendosi da noi ..
2017-12-03 17:47:56
Dice bene il Direttore: il lettore confonde la causa con l'effetto. Nessuno qui se lo va a cercare, il nemico, non ce n'e' proprio nessun bisogno. Molti italiani rischiano di diventare razzisti sul serio proprio per questo.
2017-12-03 17:59:33
finchè abbiamo gente che regala le case ai clandestini e se ne frega della povertà dilagante che esiste fra gli italiani stessi mi sembra ovvio che faccia aumentare l'odio e il rancore verso quella gente. La via è una sola "Prima gli italiani"
2017-12-03 15:25:17
Caspita se ci vorrebbe qualcuno in grado di raddrizzare Il nostro disgraziato paese! Non ci vorrebbe molto basterebbe una persona onesta e capace l’esempio di quello che ha fatto Minniti in quel poco che gli è stato concesso mi pare ecclatante. Non condivido per niente la sua idea politica ma sottovalutare i risultati mi sembrerebbe disonesto. Uno come lui alla giustizia e abolizione delle sentenze politiche aiuterebbe moltissimo.