Martedì 14 Novembre 2017, 08:51

Pensioni, sconto sui contributi per lasciare prima di 67 anni

PER APPROFONDIRE: pensioni
Pensioni, sconto sui contributi  per lasciare prima di 67 anni

di Luca Cifoni

Per il governo è l'ultima offerta. Nell'incontro di ieri con Cgil, Cisl e Uil il pacchetto previdenziale che potrebbe essere inserito nella legge di Bilancio è stato sintetizzato in sette punti: sul nodo più delicato, l'allargamento della platea di lavoratori esentati dall'innalzamento a 67 anni dell'età per la pensione di vecchiaia, l'unica sostanziale apertura riguarda il requisito contributivo richiesto a chi svolge le mansioni gravose, che scenderebbe da 36 a 30 anni. VERIFICA...
CONTINUA A LEGGERE L'ARTICOLO
Condividi su Google+ Commenta
<< CHIUDI
CONDIVIDI LA NOTIZIA
Pensioni, sconto sui contributi per lasciare prima di 67 anni
CONDIVIDI LA NOTIZIA
DIVENTA FAN
SEGUICI SU TWITTER
COMMENTA LA NOTIZIA
5 di 9 commenti presenti
2017-11-14 14:36:30
basta con sti regali ! Non sono sufficienti 41 anni di contributi reali ? Vogliamo svegliarci ed andare in piazza a sostenere il sindacato su questa importante vertenza ? con la balla dell'aspettativa di vita continuano a lavorare i vecchi ed i giovani rimangono a casa. Basta !
2017-11-14 13:02:03
Molti hanno svolto lavori precari, con interruzioni sui versamenti. E, soprattutto, molti hanno lavorato in nero, SENZA alcun contributo. italia Per altro io dono un dipendente statale a tempo pieno da oltre 25 anni. Secondo l'INPS (ovvero i dati disponibili sul mio fascicolo contributivo online) avrei dei "buchi" contributivi come se le varie ASL per cui ho lavorato NON Avessero versato contributi. Le pratiche per chiarire la cosa sono in corso da anni. Secondo le ASL (come sembra logico) hanno versato tutto. L'INPS del chiacchierone Boeri (si occupasse un po' piu' dei suoi dipendenti, invece di cercare metodi nuovi per amministrare il paese) dice diversamente. italia
2017-11-14 12:10:41
io mi chiedo tutta questa gente che a 65 anni non ha ancora almeno 40 anni di contributi cosa hanno fatto nella loro vita lavorativa. se a 67 anni hai 36 anni di contributi vuol dire che fino a 30 anni hai giocato con le biglie oppure che hai lavorato in nero. stiamo parlando di gente che dovrebbe aver cominciato a lavorare in periodi in cui non c'era la crisi.
2017-11-14 18:14:18
Genialoide (per sorridere) sta politica: i giovani rimangono a casa e cominceranno a versare contributi seri a 35 anni passati... e lavoratori anziani cn le poche energie rimaste provranno a produrre qualcos'altro... Veramente da nobel, ma non si dovrebbe tendere all'opposto??
2017-11-15 08:04:17
Tutti non hanno ancora capito. Quando capirete, sarà troppo tardi. Gli italiani sono indotti in schiavitù; costretti a lavorare per pagare tasse fino alla morte con una piccola percentuale di sopravvivenza. Se non riesci a pagare le tasse, ti seviziano costringendoti a pagare il doppio, in caso contrario ti sequestrano tutto e ti buttano in mezzo ad una strada. Se invece stai abbastanza bene e raggiungi la pensione, allora lo Stato italiano, con le loro leggi, favoreggia i criminali a rubarti i beni materiali anche con la forza fisica, anche abbattendoti. Se tenti di difenderti, lo Stato ti fa sborsare i soldi per pagare il tuo avvocato e le spese sostenute processuali, inoltre dover pagare il delinquente. Ci stanno schiavizzando e sterilizzando( impossibilita di procreare figli) con la tassazione e non lo avete ancora capito. Sta a voi decidere il futuro degli italiani. Romagnollo Giovanni.