Ha mal di pancia, gli trovano un tumore: elettricista muore in due settimane

Il Pronto soccorso dell'ospedale di Montebelluna
MONTEBELLUNA - La frazione di Biadene e il mondo del calcio piangono l’improvvisa morte di Paolo Bessegato morto a soli 59 anni per un tumore manifestatosi in tutta la sua gravità soltanto una quindicina di giorni fa. Bessegato di professione faceva l’elettricista, un lavoro che gli piaceva moltissimo. Viveva con la moglie Manuela e le figlie Silvia, Fabiana e Valentina in una casa che si era costruito ai piedi del Montello. Il male si è manifestato con problemi allo stomaco che in un primo tempo Bessegato aveva pensato che fossero legati solo a lavoro e stress. Ma il male non cessava. E all’ospedale di Montebelluna è arrivata la sentenza tremenda: era un tumore che ormai era andato in metastasi in varie parti del corpo. Ricoverato d’urgenza il 28 di ottobre, si è spento domenica mattina senza quasi mai riprendere conoscenza.
 
© RIPRODUZIONE RISERVATA

Martedì 14 Novembre 2017, 06:00






Condividi su Google+ Commenta
<< CHIUDI
CONDIVIDI LA NOTIZIA
Ha mal di pancia, gli trovano un tumore: elettricista muore in due settimane
CONDIVIDI LA NOTIZIA
DIVENTA FAN
SEGUICI SU TWITTER
COMMENTA LA NOTIZIA
5 di 12 commenti presenti
2017-11-15 15:45:09
10 100 100 Umberto Veronesi: l'arma migliore e' la ricerca scientifica, ma nel nostro paese non la si tiene in gran considerazione
2017-11-14 17:23:06
Un cancro aggressivo lo è fin dall'esordio. Molti medici si azzardano ad affermare che la prevenzione intesa come diagnosi precoce è inutile.
2017-11-14 16:50:44
Inizia l'elenco delle disgrazie.
2017-11-14 19:24:08
E dei commenti insulsi a rimorchio
2017-11-14 13:43:59
Cancro tumore neoplasia... Vari nomi per dire la medesima cosa... La prevenzione resta l'unica via da percorrere... Non per tutti i tumori purtroppo.... Per la leucemia non si previene nulla ti viene e te la tieni... Per fortuna la ricerca ha fatto tanti passi avanti e adesso si può curare... Ricerca che non e' stata sponsorizzata dallo stato... Ma dai tanti volontari che si fanno il mazzo per informare e raccogliere fondi.. Invece di far pubblicità al grande fratello un po' di messaggi su come prevenire sintomi e controlli nn sarebbe male...