Catalogna, sbagliato parlare di retromarcia. Il dialogo è necessario, la vera partita inizia ora

PER APPROFONDIRE: catalogna, dialogo, indipendenza

di Roberto Papetti

Egregio direttore,
spiace dirlo, siamo alle solite: dopo tanto urlare, ecco che arriva il nulla di fatto. La Catalogna doveva dichiarare la sua indipendenza dalla Spagna ma, sul più bello, il suo leader ha cambiato idea, ha frenato e si è dichiarato pronto al dialogo con Madrid. Cioè con quello stesso governo che ha spedito in Catalogna 10mila soldati, in verità anche assai maneschi, per impedire il referendum popolare. Tanto tuonò che piovve, si potrebbe dire. Per la Catalogna lunedì doveva essere il giorno storico dell’indipendenza. Passerà alla storia come il giorno della grande retromarcia.


Silvio Ballin
Venezia


Caro lettore,
non mi sentirei di considerare una retromarcia o un tradimento la scelta di Puigdemont di aprire un dialogo con il governo centrale. La definirei piuttosto una scelta di responsabilità. La questione catalana è assai complessa è ha riflessi che vanno ben al di là della penisola iberica. Non può essere affrontata a colpi di slogan né risolta con le minacce o le cariche di polizia. Su un piatto della bilancia c’è un referendum, svolto peraltro in condizioni assai precarie, che ha visto la grandissima maggioranza degli elettori catalani pronunciarsi a favore dell’indipendenza. Ma, sull’altro piatto, c’è una Costituzione, quella spagnola, Stato a cui la Catalogna tuttora appartiene, che all’articolo 155 esclude espressamente la secessione di una regione o di un territorio e fa dell’unità del Paese uno dei suo postulati. È evidente che, tra questi due fronti, occorre trovare un possibile punto di equilibrio e l’unica strada è quella del dialogo. Finora dall’una come dall’altra parte, si è preferito alzare i toni dello scontro. Adesso è il momento di abbassarli e di cercare una via d’uscita. Nel discorso al Parlamento catalano, il leader Puigdemont ha dimostrato abilità di fine politico che forse in pochi gli riconoscevano: ha dichiarato l’indipendenza ma l’ha subito sospesa, aprendo al dialogo con Madrid. Vedremo, nei fatti più che nelle parole, quale sarà la risposta del governo centrale. Il premier Rajoy, ha infilato numerosi errori nella gestione della crisi catalana, ma sa di non poter ignorare il sentimento indipendentista di una parte importante del popolo catalano. Sarà una partita difficile. E fondamentale sarà anche il ruolo dell’Europa, finora rimasta troppo dietro le quinte.
© RIPRODUZIONE RISERVATA

Giovedì 12 Ottobre 2017, 15:34






Condividi su Google+ Commenta
<< CHIUDI
CONDIVIDI LA NOTIZIA
Catalogna, sbagliato parlare di retromarcia. Il dialogo è necessario, la vera partita inizia ora
CONDIVIDI LA NOTIZIA
DIVENTA FAN
SEGUICI SU TWITTER
COMMENTA LA NOTIZIA
5 di 13 commenti presenti
2017-10-13 10:20:38
Una questione data in pasto al popolo per disputare e dilaniarsi, cosi' di distrae da altre questioni, tipo i conti segretidei politici , dei regnanti ecc.
2017-10-13 07:14:16
Ha dimostrato grande saggezza. Alla fine otterranno quello che vogliono, che poi è anche quello che vogliono Veneto e Lombardia, la gestione completa delle loro risorse fiscali.
2017-10-13 10:33:29
Non solo, per aver quello basta l'autonomia. C'è un popolo con la sua storia, le sue tradizioni, la sua lingua che vuole gli venga riconosciuta l'identità, che vuole la sua sovranità. Per questo l'autonomia fiscale non basta.
2017-10-13 00:29:11
Un rallentamento non e' una retromarcia. Rimangono in rotta di collisione e lo scontro ci sara' comunque.
2017-10-13 00:07:19
Egr.Direttore non ne ha azzecata una.Il suo commento della vicenda catalana è uno steretipo dell'italico "volemose bene".Purtroppo non si è ben informato. Vediamo i punti :-"Su un piatto della bilancia c’è un referendum, svolto peraltro in condizioni assai precarie, che ha visto la grandissima maggioranza degli elettori catalani pronunciarsi a favore dell’indipendenza".Il referendum illegale, nasce da una prevaricazione antidemocratica esercitata nel governo catalano, contro lo statuto autonomico - le votazioni in stile sudamericane hanno dato risultati strabilianti ( più voti che votanti)in ogni caso un 40% per l'indipendenza, altro che l'immensa maggioranza che non vuole l'indipendenza. - Il DIALOGO? sulla secessione o sull'abrogazione della Costituzione? Illusione...da 40 anni nelle scuole si insegna l'indipendenza, relegando ai margini dopo l'inglese, lo spagnolo e la storia di Spagna. Infine il fine politico Puigdemont, peggio di una fusione di Bertoldo e Masaniello che voleva il colpo di stato, assieme alla nullita di Yunqueras e ha portato al disastro,,, alla fuga delle più importanti entità economiche dalla Catalogna. E chi sta soffrendo, la maggioranza "silenziada" che non ne può più di questi saltimbanchi. PS. la macelleria della guardia civil avrebbe fatto 900 feriti, quasi quanti ne faceva un attacco nel Carso o la polizia italiana a Genova nel 2001. Nei registri degli ospedali di Barcellona risultano due interventi: una donna contusa al volto e un uomo in preda ad infarto miocardico