«I maschi ci molestano»: le studentesse del liceo artistico scendono in piazza

L'ex sede del liceo Selvatico in una foto d'archivio
PADOVA - «Epiteti a sfondo sessuale, violazione della privacy attraverso video, sputi e bottiglie lanciate dai piani superiori». Lo denunciano le ragazze dell'istituto Selvatico di Padova, accusando i "vicini" dell'istituto tecnico Bernardi

Circa 700 studenti del liceo artistico Selvatico, tra cui appunto moltissime alunne, sono scesi in strada questa mattina a Padova per chiedere di tornare nella sede centrale di via Belzoni, chiusa da settembre per motivi di sicurezza. E' stata l'occasione per denunciare la convivenza problematica con i nuovi vicini, quasi tutti maschi, del Bernardi.

Le studentesse hanno manifestato per le strade della città diffondendo un volantino che lancia precise accuse ai cotenaei. Dopo la chiusura della sede, le classi di moda e pittura del liceo erano state trasferite accanto all'Ipsia Bernardi di via Manzoni. La convivenza tra i due istituti, però, non è mai stata facile. 
© RIPRODUZIONE RISERVATA

Giovedì 12 Ottobre 2017, 12:11






Condividi su Google+ Commenta
<< CHIUDI
CONDIVIDI LA NOTIZIA
«I maschi ci molestano»: le studentesse del liceo artistico scendono in piazza
CONDIVIDI LA NOTIZIA
DIVENTA FAN
SEGUICI SU TWITTER
COMMENTA LA NOTIZIA
5 di 29 commenti presenti
2017-10-13 12:24:32
Compito della scuola è primariamente la formazione di cittadini formati alla disciplina e al rispetto reciproco. Questo era possibile fino a qualche anno fa : nelle mani dei docenti c'erano strumenti disciplinari (voto in condotta , sospensioni , bocciatura) che mitigavano e alla lunga stroncavano certi comportamenti. Negli ultimi 20 anni da parte di tutti i ministri della pubblica istruzione hanno perseguito hanno trasformato la scuola pubblica in un parcheggio dove nessumo possa essere bocciato o anche solo redarguito .Il colpo finale l'ha dato questa Sinistra sempre pronta a valorizzare le diversità e le devianze . Arivando a un risultato che nemmeno la Destra più retriva e liberista poteva sognare : una scuola che non forma cittadini istruiti ma semplicemente manodopera dequalificata destinata a una vita di precariato . Chi ha visto il risultato finale della sedicente "Buona Scuola" , la famosa alternanza scuola/lavoro capisce . Cito solo il grazioso episodio di Viterbo dove gli studenti di un istituto alberghiero sono stati invitati a lavorare gratis alla festa Pd in cambio di crediti formativi essendo presente il ministro Fedeli . P.S. : Non si creda che questi episodi siano limitati agli istituti professionali/tecnici : ci son scuole in cui si sputa ed altre (quelle in cui si forma "La classe dirigente della Nazione , come disse la preside di un liceo classico padovano)in cui si vola dalla finestra durante la gita scolastica .
2017-10-13 06:52:26
Non sono studenti veneti, sono le risorse della Boldrini che si comportano così
2017-10-13 11:26:34
Li conosce a uno a uno ? Che strane frequentazioni ...
2017-10-13 06:15:39
Certi corsi professionali della nostra zona, un tempo rinomati in quanto sfronavano valenti tecnici operatori, sono diventati tipo arena del GF, vippetti.La mezzora che precede l'inizio e segue il termine delle lezioni...trasforma le adiacenze in terra di nessuno.Il che lascia dubitare della produttivita' formativa anche delle lezioni interne.
2017-10-12 23:28:23
Che razza di futuro può avere questo paese con dei giovani totalmente allo sbando??