Vaccini, bimba respinta all'asilo a Udine: la mamma chiama i carabinieri

PER APPROFONDIRE: asilo, udine, vaccini
Vaccini, bimba respinta all'asilo:  la mamma chiama i carabinieri
UDINE - Porta la figlia all'asilo senza firmare l'autocertificazione sull'avvenuta vaccinazione e quando la scuola la richiama agli obblighi di legge la mamma chiama i Carabinieri. L'episodio  si è verificato ieri mattina in una scuola dell'infanzia di Latisana (Udine). Il personale dell'istituto aveva già richiamato venerdì la donna, ricordandole l'obbligo di presentare l'autocertificazione.

Ma ieri la donna ha riportato la figlia a scuola senza i documenti richiesti e, a fronte della nuova richiesta del personale di firmare i certificati, la signora ha richiesto l'intervento di Carabinieri e Polizia locale che hanno solo registrato l'episodio. La bambina è stata ammessa a scuola con riserva per un solo giorno.
«Stralunate... E siamo ancora qua? E già... Vediamo se dopo il comandante dei vigili e il maresciallo dei carabinieri dobbiamo chiamare qualcun altro». È questo ilpost pubblicato dalla mamma sul suo profilo Facebook con una foto sua e della bambina in braccio.
 «La legge sui vaccini prevede diverse opzioni ovvero la presentazione di un autodichiarazione in cui si indica quali vaccinazioni sono state effettuate, esonero, omissione o copia della richiesta di appuntamento presso l'Asl per la vaccinazione. Pertanto io che non ho vaccinato allego copia di raccomandata all'Asl - continua - Venerdì vengo diffidata dal portare mia figlia in asilo in quanto non ho compilato e firmato l'autodichiarazione da loro imposta dalla regione FVG. Documento assolutamente non conforme ai fini della legge che pertanto rifiuto di firmare». (A
© RIPRODUZIONE RISERVATA

Martedì 12 Settembre 2017, 11:06






Condividi su Google+ Commenta
<< CHIUDI
CONDIVIDI LA NOTIZIA
Vaccini, bimba respinta all'asilo a Udine: la mamma chiama i carabinieri
CONDIVIDI LA NOTIZIA
DIVENTA FAN
SEGUICI SU TWITTER
COMMENTA LA NOTIZIA
5 di 72 commenti presenti
2017-09-13 16:35:11
Io inviterei i "imbubanati di vax" a farsi un giro ad Auschwitz. Dove nessuno credeva che una nota casa farmaceutica avesse studiato un prodottino su misura per 6 milioni di appartenenti al SSn dell'epoca. Pensi pure che lo progettò in modo che non friggesse a 26°C ma sublimasse senza evidenza del cambio di stato. Sa, i "pazienti" lo respiravano più volentieri e "guarivano" più in fretta. Si informi, una teoria del complotto coi fiocchi. Ah dimenticavo: vi erano dei medici che dicevano "andate, li si fa la doccia".
2017-09-13 16:49:26
see 70 anni fa credevano anche a un pelato che parlava di Impero , di vincere e vinceremo e sappiamo tutti com'e' andata a finire , e poi partiamo coi paragoni dei nostri emigranti di 100 anni fa che stavano buoni e zitti e si integravano ecc ecc ecc ... ragazzi son passate 3 - 4 - 5 generazioni oramai possiamo portare gli smarthphone a scuola per esseri piu' eruditi gia' dalle medie basta con gli esempi di Marco Caco che non stanno ne in cielo ne in terra (piatta)
2017-09-13 17:32:53
In vino! Ahi ahi ahi ragazzo...hai toppato. In un altro post hai esaltato come si debba agli arabi la matematica il cibo ecc ecc. Ora dici che 70 anni fa, della nostra cultura, vadano dimenticati? Quindi devo ricordare cosa hanno fatto con la matematica ma non cosa accadde ai nostri padri??? Eh no. Stavolta sei scivolato di brutto...
2017-09-13 20:26:42
leggi il mio post , ho scritto che sono d'accordo sul fatto che era meglio che se ne stessero a casa loro perche' ne la matematica ne il cibo ne altre materie scientifiche ne hanno giovato ! possa lo spirito della Lorenzin impossessarmi del mio corpo se ho scritto diverso da cio'
2017-09-13 22:31:31
Ma vada a vedere e criticare i cantieri come tutti gli altri pensionati, piuttosto di scrivere quotidiane e inutili banalità!