Migranti, Medici senza frontiere sospende le attività di soccorso con la propria nave

Migranti, Medici senza frontiere sospende le attività di soccorso con la propria nave
Medici senza frontiere ha deciso di sospendere temporaneamente le attività di ricerca e soccorso della propria nave, la Prudence. È quanto sottolinea la Ong in una nota in cui spiega che a determinare la decisione sono state le «ulteriori restrizioni all'assistenza umanitaria indipendente e dell'aumento dei blocchi che costringono i migranti in Libia». L'équipe medica di Msf continuerà invece a supportare le attività di soccorso a bordo della nave Aquarius, di SOS Mediterranee, che al momento sta pattugliando le acque internazionali.

«Ieri le autorità libiche hanno dichiarato pubblicamente di aver istituito una zona di ricerca e soccorso (SAR) e limitato l'accesso delle navi umanitarie nelle acque internazionali al largo delle coste libiche. Subito dopo, il Centro di Coordinamento del Soccorso Marittimo (MRCC) di Roma ha allertato Medici Senza Frontiere ( MSF) di un rischio sicurezza legato alle minacce pronunciate pubblicamente dalla Guardia Costiera Libica contro le navi di ricerca e soccorso umanitarie impegnate in acque internazionali», sottolinea Msf spiegando le motivazioni della decisione. «Se queste dichiarazioni verranno confermate e gli ordini attuati, vediamo due gravi conseguenze: ci saranno più morti in mare e più persone intrappolate in Libia - dichiara Loris De Filippi, presidente di Msf - Se le navi umanitarie vengono spinte fuori dal Mediterraneo, ci saranno meno navi pronte a soccorrere le persone prima che anneghino. Chi non annegherà verrà intercettato e riportato in Libia, che sappiamo essere un luogo di assenza di legalità, detenzione arbitraria e violenza estrema». «Queste dichiarazioni giungono appena una settimana dopo l'annuncio del dispiegamento di navi militari italiane all'interno delle acque libiche, per aumentare la capacità delle guardie costiere libiche di intercettare migranti e rifugiati e riportarli in Libia», prosegue la Ong.

«I recenti sviluppi rappresentano un altro preoccupante tassello di un ambiente sempre più ostile per le operazioni salvavita di soccorso - aggiunge De Filippi . Gli stati europei e le autorità libiche stanno attuando congiuntamente un blocco alla possibilità delle persone di cercare sicurezza. È un attacco inaccettabile alla vita e alla dignità delle persone». MSF chiede alle autorità libiche «di confermare in tempi brevi che aderiranno e rispetteranno l'obbligo legale, internazionalmente riconosciuto, di soccorrere imbarcazioni in difficoltà, e che consentiranno che questo avvenga in acque internazionali e libiche. MSF chiede inoltre alle autorità libiche di precisare che tutte le navi, gestite da ONG o da chiunque altro, saranno autorizzate a effettuare le attività di soccorso senza impedimenti e restando incolumi, e che né le autorità libiche né quelle italiane interferiranno con il diritto legalmente garantito di sbarcare le persone in un porto sicuro».

«MSF rifiuta di essere cooptata in un sistema che mira, a qualunque costo, a impedire alle persone di cercare sicurezza - dichiara Brice de le Vingne, direttore delle operazioni di Msf - Chiediamo alle autorità europee e italiane di smettere di attuare strategie letali di contenimento che intrappolano le persone in un paese in guerra, senza nessuna considerazione dei loro bisogni di protezione e assistenza. Servono urgentemente delle vie sicure e legali per migranti e rifugiati, per ridurre inutili sofferenze e morti».
© RIPRODUZIONE RISERVATA

Sabato 12 Agosto 2017, 17:58






Condividi su Google+ Commenta
<< CHIUDI
CONDIVIDI LA NOTIZIA
Migranti, Medici senza frontiere sospende le attività di soccorso con la propria nave
CONDIVIDI LA NOTIZIA
DIVENTA FAN
SEGUICI SU TWITTER
COMMENTA LA NOTIZIA
5 di 32 commenti presenti
2017-08-13 18:18:07
Gentile Sig. el diablo...le ho già replicato in altre occasioni, ma forse non ha avuto il modo di leggere le mie risposte. Il M5S a mio giudizio è una Forza politica seria, sensibile ai problemi e ai bisogni di tutti i cittadini italiani, rispetta le Leggi quanto le Istituzioni nazionali e comunitarie perché il nostro Paese è parte integrante nell'Unione Europea. Esamina e approfondisce con estrema attenzione, discute e valuta con molta ponderazione e buon senso le Proposte di Legge che deve votare. In merito perplessità sollevate nel suo commento la invito a consultare il Blog del Sig. Beppe Grillo e il sito internet M5sParlamento dove avrà modo di leggere e ascoltare dai qualificati Parlamentari le ragioni per le quali il M5S si è comportato e si comporta in un certo modo, diverso ovviamente da quello di altre Forze politiche.
2017-08-13 18:09:35
Ottimo, fatto bene. Che se ne stiano a casa loro.
2017-08-13 17:18:42
chissà perchè hanno sospeso gli "aiuti"? forse si sono offesi perchè qualcuno ha potuto pensare che avessero qualche scheletro nell'armadio loro e altri loro pari!
2017-08-13 14:00:16
Andreotti diceva che a pensar male si fa peccato, ma.... La mia opinione e' che, fatti i propri conti, alcune "ONG" hanno valutato non conveniente operare sotto controllo. E ne traggono le conseguenze. Cercheranno altri affari.
2017-08-13 13:51:14
Hanno detto che il governo sarà responsabile dei morti dovuto alla loro assenza. In pratica lo stato dovrebbe sottomettrsi ai loro diktat. I fatti stanno dimostrando una brusca diminuzione di nuovi immigrati. È ammirevole il loro intervento nelle zone di guerra, ma questa volta non mi sento di giustificarli.