Scivola in strada e rompe lo zigomo
Dimessa dall'ospedale senza esami

PER APPROFONDIRE: dimessa, fratture, oderzo, senza esami
Scivola in strada e rompe lo zigomo  Dimessa dall'ospedale senza esami
ODERZO - Sandra, 53 anni barista, ha tirato già l'ultima serranda del bar. Poi, mentre attorno era tutto un tuono e un fulmine, è scappata di corsa verso l'auto per evitare l'imminente scroscio di pioggia. Ma è scivolata battendo la testa contro lo spigolo del marciapiede. Il referto della Tac parla di frattura bifocale dell'arcata zigomatica destra. Fratturate anche la parete anteriore e laterale della mascella destra e la base dell'orbita.  Insomma, una bomba. Ma c'è un problema: la Tac, così come gli esami radiologici che hanno anticipato e consigliato l'esecuzione della tomografia, è stata eseguita soltanto il giorno dopo, perché la donna, portata d'urgenza al pronto soccorso di Oderzo la sera stessa dell'incidente, è stata rispedita a casa dopo un semplice controllo visivo. Anche in questo caso il verbale di dimissione dice tutto quel che c'è da sapere: Lamenta cefalea e senso di ottundimento con tumefazione dolente. Ma deambula, non ha mai perso conoscenza, le pupille sono ok. Intendiamoci, non è un caso di malasanità. Il medico di turno ha fatto la sua valutazione, indicando delle precauzioni soprattutto se si fossero manifestati nausea, vomito, perdita di liquidi da naso e orecchie, confusione, cefalea diffusa, disturbi della vista.  In effetti alla barista è bastato raggiungere la soglia di casa perchè alcuni di questi sintomi iniziassero a manifestarsi. Dopo una telefonata al pronto soccorso (tenga la testa alta, metta ghiaccio) e dopo una notte insonne, è stata riaccompagnata in ospedale per tutti gli esami del caso, con gli esiti noti. (D.B.)
© RIPRODUZIONE RISERVATA

Domenica 16 Luglio 2017, 15:41






Condividi su Google+ Commenta
<< CHIUDI
CONDIVIDI LA NOTIZIA
Scivola in strada e rompe lo zigomo
Dimessa dall'ospedale senza esami
CONDIVIDI LA NOTIZIA
DIVENTA FAN
SEGUICI SU TWITTER
COMMENTA LA NOTIZIA
5 di 16 commenti presenti
2017-07-16 16:21:46
Nei traumi cranici spesso eseguire SUBITO gli esami radiologici (a meno di 6 ore dall'incidente) puo' essere fuorviante (se l'esame clinico e' negativo). Ovvero puoi fare una radiografia o una TC "troppo presto" e puo' venire "negativa" (falsamente) perch├ę l'hai fatta troppo presto. La pratica corretta, se non ci sono sintomi, e' di tenere il paziente in osservazione per almeno 24 ore ed effettuare esami in base all'evoluzione clinica. Paziente dimessa troppo presto o che ha deciso di andarsene a casa e poi vediamo ?
2017-07-16 18:03:28
Una frattura di zigomo e di mascella una bomba ?! Basta con queste non notizie! Sono state applicate le linee guida internazionali sul trauma cranico non commotivo e fatto quello che si sarebbe fatto in ogni parte del mondo: prevedono TAC subito in alcuni casi, TAC senza fretta in altri. Se poi vogliamo cercare il titolone per forza, ├Ę un altro discorso...
2017-07-16 23:07:45
Se tutti quelli che scrivono post in questo articolo fossero dei luminari nel loro lavoro l'italia sarebbe piena di geni!!! Pensate a fare bene il vostro lavoro piuttosto che dare direttive, consigli, linee guida da osteria su cose delle quali nn avete la minima conoscenza!! Umilta pari a zero!!!
2017-07-16 21:00:21
Per i commentatori che difendono a prescindere la nostra (presunta) superiorita' cosa avrebbero scritto se il fatto fosse accaduto a Roma, Napoli o Bari?
2017-07-17 12:18:22
Prima che zaia strombazzi ai quattro venti la tanto pompata eccellenza sanitaria venneta, avvisatelo....eh......auguri alla signora....ciao.