Muore d'improvviso a un anno: corsa in ospedale, ma Gabriel non ce la fa

PER APPROFONDIRE: autopsia, bimbo, culla, fossalta, gabriel secco, morto
Muore d'improvviso a un anno: corsa  ​in ospedale, ma Gabriel non ce la fa
FOSSALTA DI PIAVE - Aveva compiuto un anno a giugno il piccolo Gabriel Secco di Fossalta di Piave, ma la sua vita è stata stroncata per cause ancora da chiarire dopo le 22 di sabato 15 giugno. Il bimbo era da poco stato allattato quando ha cominciato a sentirsi male, le sue condizioni sono peggiorate in breve tempo, fino alla perdita di conoscenza. Immediata la chiamata ai soccorsi da parte dei genitori: il personale del 118 ha tentato fin da subito di rianimare il bimbo, le operazioni mediche per riuscire a salvarlo sono proseguite nell'ospedale di San Donà. Purtroppo è stato tutto inutile. L'Ulss ha chiesto al pm di disporre l'autopsia per capire le cause della morte. Sconvolto l'intero paese che si stringe intorno alla famiglia di Gabriel.
© RIPRODUZIONE RISERVATA

Domenica 16 Luglio 2017, 14:48






Condividi su Google+ Commenta
<< CHIUDI
CONDIVIDI LA NOTIZIA
Muore d'improvviso a un anno: corsa in ospedale, ma Gabriel non ce la fa
CONDIVIDI LA NOTIZIA
DIVENTA FAN
SEGUICI SU TWITTER
COMMENTA LA NOTIZIA
5 di 15 commenti presenti
2017-07-17 10:44:52
La ringraziamo per la sua diagnosi, la stavamo aspettando
2017-07-17 11:58:41
egregio? barbablù lo sa anche un bambino quindi è inutile che fa dello spirito di pappagallo. Attento alle dita che si consumano a cliccare più volte pollice verso
2017-07-17 18:10:18
mi scusi, ma lei che ne sa della dieta di questo bambino? solo per aver letto le dieci righe dell'articolo (che ovviamente non possono essere esaustive) lei è già in grado di emettere una diagnosi? le faccio i miei complimenti e la candido al Nobel per la medicina...
2017-07-17 21:55:38
se l'articolo parla di allattamento mi limito a esprimere una mia opinione su quello. Lei chi è per avere questo potere da candidarmi al nobel per la medicina?
2017-07-18 10:05:44
Si legga l'intero articolo, dove si parla di biberon. A questo punto sono io a chiederle: lei chi è per esprimere non solo un'opinione, ma addirittura una diagnosi. Voglio farle un'altra domanda: lei, da dipendente statale com'è, dove trova il tempo per postare commenti in continuazione? La anticipo per quanto riguarda me: sono un lavoratore autonomo ed il mio tempo lo gestisco come e quando voglio. p.s.- io avrò lo spirito di pappagallo (non sapevo che i pappagalli fossero spiritosi), ma lei non brilla in competenze mediche, di conseguenza non la candido più al Nobel. Sorry.