Volevano fare la bella vita: presi rapinatori in trasferta dalla Sicilia

PER APPROFONDIRE: arresto, banca, banditi, cattura, rapina
Volevano fare la bella vita: presi  rapinatori in trasferta dalla Sicilia
VENEZIA - Sono stati arrestati dai carabinieri di Venezia i due presunti autori materiali di quattro rapine in banca compiute tra Veneto ed Emilia Romagna nel 2015, che avevano fruttato quasi 300mila euro. Si tratta di due catanesi accusati di associazione per delinquere finalizzata al compimento di rapine. Nell'agosto scorso erano stati tratti in arresto altri quattro presunti componenti della banda che avrebbero avuto il compito di individuare gli obiettivi e pianificare le rapine.

Una struttura articolata, mossa anche dall'ingordigia di denaro per tenere un livello di vita molto elevato, finalizzata a compiere rapine nel Nordest, dove ognuno aveva un compito: chi di organizzatore, chi di messa a punto degli obiettivi da colpire, chi di basista e chi, infine, di esecutore materiale. È questo il quadro che emerge dalle indagini compiute dai carabinieri di Venezia, con gli ultimi due arresti in esecuzione di ordinanze di custodia cautelare, su una banda che avrebbe messo a segno quattro colpi, tra settembre e novembre 2015 tra il Veneziano, il Rodigino e il ferrarese, con un bottino complessivo di quasi 300mila euro. Altre rapine erano allo studio nel mantovano, ma i carabinieri hanno fatto terra bruciata attorno ai possibili obiettivi intensificando le presenze visibili mentre raccoglievano elementi per incastrare i componenti del gruppo, quattro catanesi, un veneziano operante a Chioggia e un milanese.

Gli ultimi due arresti - Filippo Pazienza e Angelo Maimone, catanesi - riguardano quelli che gli investigatori considerano gli autori materiali delle rapine, trasferisti dalla Sicilia a Nordest. Al momento dell'arresto di Maimone, con l'ausilio dei carabinieri di Catania, è stato bloccato anche il fratello per detenzione di un ingente quantitativo di marijuana. Nell'agosto scorso erano scattati altri quattro arresti, per gli ideatori e preparatori dei colpi. Tra questi quattro, un catanese - Francesco Guardo, di 26 anni - è detenuto anche per omicidio. A carico delle sei persone coinvolte nell'inchiesta condotta dalla procura lagunare - come ha sottolineato il comandante provinciale dei carabinieri, col. Claudio Lunardo - è stato contestato il reato di associazione per delinquere finalizzata alla commissione di rapine con sequestro di persona. Sono state sequestrati conti correnti, auto e cassette di sicurezza. Indagini su altre rapine compiute nel ferrarese sono in corso da parte della procura locale.
© RIPRODUZIONE RISERVATA

Venerdì 19 Maggio 2017, 09:04






Condividi su Google+ Commenta
<< CHIUDI
CONDIVIDI LA NOTIZIA
Volevano fare la bella vita: presi rapinatori in trasferta dalla Sicilia
CONDIVIDI LA NOTIZIA
VIDEO
DIVENTA FAN
SEGUICI SU TWITTER
COMMENTA LA NOTIZIA
5 di 8 commenti presenti
2017-05-19 13:57:36
sempre itagglianni sono.....mah......ciao enrico.
2017-05-19 09:19:15
due catanesi sono venuti in trasferta a fare una rapina in Veneto: bene. Adesso i carabinieri, che hanno fatto l'arresto, saranno ritenuti responsabili di violenze e lesioni contro i signori rapinatori: bene, avvisiamo le associazioni che ci proteggono dalle violenze delle Forze dell'Ordine. I compagni sono tutti contenti perche' così avranno motivo di insultare i carabinieri.
2017-05-19 16:48:05
Il Grande Sud è sempre nella cronaca nera. A quando la separazione dall'Italia e dall'Europa ?
2017-05-19 14:52:59
E' sicura che i due siano italiani?
2017-05-20 12:14:50
Pd: Tanto pe' magnà, pecchè me rode er core... REATI IN CALO! REATI in CALO! REATI in CALO! ahahahahahahah!!! viva la sinistratatata italiana:-)