Alpini polemici con gli albergatori: «Prezzi anche triplicati, qui si lucra»

Il  presidente Ana durante l'intervento alla presentazione dell'Adunata

di Mattia Zanardo

TREVISO - Che l'Adunata nazionale degli Alpini sia (anche) un affare per il territorio ospitante è noto. Per qualcuno, pure troppo. Sotto accusa finiscono soprattutto le strutture ricettive: prezzi triplicati in occasione del raduno, camere in alberghetti, magari neppure situati in città, quotate quanto una suite al grand hotel, fino ad oltre 300 euro a notte. A sollevare la questione è stato lo stesso presidente nazionale dell'Associazione Alpini, Sebastiano Favero, nientemeno che dal palco della presentazione ufficiale della manifestazione, ieri a Palazzo dei Trecento.

«Sono fiero dell'impegno delle nostre sezioni e delle amministrazioni della Marca - ha sottolineato il massimo rappresentante delle penne nere, riportando le segnalazioni arrivate da parecchi gruppi di soci foresti -, ma sono un po' deluso dagli albergatori, che hanno approfittato dell'evento per far pagare qualche 'scheo' in più. Non tutti si sono comportati così, naturalmente, ma buona parte sì. Un certo rincaro, anche del 20%, è ovvio, ma c'è chi ci ha chiesto tre volte il prezzo normale. Da trevigiano e da veneto, non me lo sarei aspettato». È il più classico effetto delle legge della domanda e dell'offerta, si dirà. Ma all'Ana non nascondono il sospetto che più di un operatore abbia approfittato per lucrarci. «Così facendo forse guadagneranno qualche soldo in più ora ha ribadito Favero -, ma hanno perso molti clienti per il futuro».

 
© RIPRODUZIONE RISERVATA

Venerdì 21 Aprile 2017, 05:02






Condividi su Google+ Commenta
<< CHIUDI
CONDIVIDI LA NOTIZIA
Alpini polemici con gli albergatori: «Prezzi anche triplicati, qui si lucra»
CONDIVIDI LA NOTIZIA
DIVENTA FAN
SEGUICI SU TWITTER
COMMENTA LA NOTIZIA
5 di 21 commenti presenti
2017-04-21 14:12:33
Banale lezione di economia elementare. All'aumentare della domanda, ad offerta costante, i prezzi salgono
2017-04-21 11:35:16
Treviso è a fianco gli alpini. O dietro?
2017-04-21 13:18:25
Siamo in una economia liberista , ognuno e' libero di fare i prezzi che vuole e di accettarli. Si chiama "Legge della domanda/offerta". Non siamo nell' Unione Sovietica al tempo del "Socialismo reale" !!!
2017-04-21 12:23:10
mi ricordo che negli anni 80 (1984) fecero il raduno a Trieste e si "accamparono" con le tende in ogni posto (perfino nelle aiuole davanti il Tribunale) possibile che non possano "rioccupare" che so caserme dismesse? [che ormai fra albergatori e cooperative c'e' tutto un "business"
2017-04-21 12:15:31
Non e' proprio cosi'. I prezzi (massimi) comunicati due volte l'anno alla Regione (l'Ente Provinciale per il Turismo non esiste piu' da tantissimi anni) sono generalmente molto piu' elevati di quelli abitualmente praticati. Evidentemente a fronte di grosse manifestazioni, lievitano i prezzi "reali", pur rimanendo sotto il prezzo massimo comunicato.