Lunedì 20 Marzo 2017, 10:23

Flussi dei migranti, accordo in bilico: l'instabilità di Tripoli mette in forse il tavolo di gestione

PER APPROFONDIRE: libia, migranti, vertice
Flussi migranti, accordo in bilico. Via al vertice Europa-Libia-Tunisia

di Sara Menafra

ROMA Un documento in otto punti che, con l'appoggio dell'Unione europea sarà l'atto fondativo di un gruppo di contatto permanente tra paesi europei e nordafricani. Che con questa «piattaforma comune» coordinata dall'Italia dovrebbero gestire collettivamente i flussi migratori, i rimpatri, i finanziamenti ai paesi nord africani. È il cuore dell'intesa voluta dal ministro degli Interni Marco Minniti e che vede come controparte fondamentale il presidente libico Fayez al Serraj, la cui presenza nelle...
CONTINUA A LEGGERE L'ARTICOLO
Condividi su Google+ Commenta
<< CHIUDI
CONDIVIDI LA NOTIZIA
Flussi dei migranti, accordo in bilico: l'instabilità di Tripoli mette in forse il tavolo di gestione
CONDIVIDI LA NOTIZIA
DIVENTA FAN
SEGUICI SU TWITTER
COMMENTA LA NOTIZIA
5 di 15 commenti presenti
2017-03-20 20:36:28
... se la canna dell'acqua è aperta e la casa si allaga si chiude il rubinetto.. macchiavelli docet.. certo che se chiami un politico la cosa si fa difficile..
2017-03-20 16:50:19
Ma non fatemi ridere. I politici italiano sono di talmente basso livello che non saprebbero nemmno far un accordo di condominio.
2017-03-20 17:08:53
gia' sono cose che vanno per le lunghe specie perché c'e' un sacco di gente che ci mangia sopra: trasferte, missioni, magari promozioni, nastrini e un Business che meta' basta
2017-03-20 14:07:49
ma come 20 navi (surplus???) alla Libia cosa gli serve "motozzattere da sbarco" MTM so che sembra sbagliato ma l'ho visto proprio ieri su un piano di costruzione (dovrebbero portare 60-70 persone ma di migranti ne imbarcano un 200)
2017-03-20 13:00:20
vogliamo capire che questi hanno speso fior di quattrini per venire nell'eldorado che gli hanno promesso? ed allora almeno non andiamo a prenderli, non è compito nostro. e se arrivano rispediamoli subito al loro paese. e se le cooperative chiudono pazienza, non sono le uniche a farlo.