Profughi coinvolti in prostituzione gay, controlli delle forze dell'ordine

PER APPROFONDIRE: bagnoli, controlli, gay, profughi, prostituzione
Profughi coinvolti in prostituzione gay, controlli delle forze dell'ordine

di Nicola Benvenuti

BAGNOLI - Massicci controlli di carabinieri e polizia ieri a Bagnoli e nella frazione di San Siro, su segnalazione del sindaco Roberto Milan di possibili episodi di sfruttamento della prostituzione di tipo gay. L'intensa presenza delle forze dell'ordine ha destato preoccupazione tra i residenti, finché lo stesso primo cittadino ha spiegato la situazione.
«Carabinieri e polizia - ha detto Milan - sono intervenuti su nostra esplicita richiesta dopo alcune segnalazioni di possibili incontri di carattere omosessuale che avrebbero coinvolto alcuni giovani presenti nell'hub di San Siro». Secondo quanto raccontato dallo stesso primo cittadino, alcuni richiedenti asilo potrebbero essere finiti nelle maglie di alcuni giri di prostituzione gay, che coinvolgono peraltro clienti italiani.
 
© RIPRODUZIONE RISERVATA

Domenica 5 Marzo 2017, 07:35






Condividi su Google+ Commenta
<< CHIUDI
CONDIVIDI LA NOTIZIA
Profughi coinvolti in prostituzione gay, controlli delle forze dell'ordine
CONDIVIDI LA NOTIZIA
DIVENTA FAN
SEGUICI SU TWITTER
COMMENTA LA NOTIZIA
5 di 33 commenti presenti
2017-03-05 08:55:40
Fermiamo l'invasione. Riprendiamoci il Paese con la sua storia, la sua cultura e le sue tradizioni. Basta !!!
2017-03-05 08:59:21
delle loro frequentazioni e gusti sessuali non mi interessa sarebbe piu' opportuno rendere pubbliche le fogne libere nei fossati nel ex agriturismo di Mogliano in cui vi soggiornano circa 150 profughi gestiti da una cooperativa che visto l'elevato costo dello smaltimento dei liquami ha pensato bene di sversare il tutto nei fossati adiacenti cosa che se fa un comune cittadino come minimo gli arriva una multa stellare ma si sa ormai dove ci sono loro le leggi italiane non contano
2017-03-05 08:53:38
Questi "Profughi" sono una fonte continua di sorprese, nei loro Paesi i Gay rischiano la galera o la pena capitale, la loro Religione vieta pure di avere rapporti Omosessuali, vieta pure di assumere alcolici, qui da noi si prostituiscono, si ubriacano, ma pretendono le Moschee, viene il sospetto che le Moschee siano solo una copertura per attivita' che con la Religione c'entrano poco o nulla.
2017-03-05 07:41:23
questo prova che per qualcuno sono una risorsa
2017-03-05 09:20:23
Per ora abbiamo la prostituzione, in seguito l'Aids e qualche altra sorpresa. Forze dell'ordne impegnate per tenere a bada questi avventurieri e Italiani allo sbando. Mandateli a casa, vicino ai loro parenti. Se proprio si vuole aiutarli, si puo' fare nelle loro terre. Non e' questa l'Italia che voglio.