Immigrati, curarli è costato 3 milioni ​di euro. Zaia: «Ce li devono ridare»

PER APPROFONDIRE: cure, immigrati, luca zaia, sanità, veneto
Immigrati, curarli è costato 3 milioni  di euro. Zaia: «Ce li devono ridare»
Tre milioni di euro. E' quanto ha speso il Veneto nel 2015 per curare gli immigrati, tra visite, esami e cure. per l'esattezza 2 milioni 951 mila 700 euro fino novembre. Ed ora la regione batte cassa: in un modo o nell'altro questi9 soldi devono tonare a casa.  «Adesso vediamo come verrà risarcito questo ingente impiego di risorse – dice il presidente Luca Zaia - da parte di chi continua a scaricare sui territori e sui Sindaci i problemi, e i tanti costi, giustificando il tutto con la parola emergenza, che tale non è perché l’ondata migratoria è cosa nota da almeno quattro anni. Roma deve ora porsi il tema urgente di rimborsare la spesa ai cittadini veneti contribuenti, perché questi non sono fondi né europei né statali».

Da maggio 2015 a novembre 2016, sono state effettuate 19.000 visite a cura del personale dei servizi di igiene pubblica sul territorio; 7.300 sono state le visite specialistiche; 25.000 le vaccinazioni somministrate; 11.000 e test di Mantoux (per la Tbc) effettuati; 8.600 le altre prestazioni di vario tipo, delle quali 2.600 radiografie al torace.
«A fine anno – fa notare il governatore – in Veneto erano arrivati complessivamente 32.862 stranieri, dei quali 14.075 rimasti nei luoghi di accoglienza e 18.707 spariti nel nulla».
Dall’inizio del 2016 si è calcolato un aumento mensile di circa 560 migranti (+5,7%) con un massimo riscontrato nel mese di ottobre di circa 1.470 (+12,2%). Le Aziende Ulss che dal mese precedente hanno registrato i maggiori incrementi percentuali sono quelle di Padova (+13,4%) e Bussolengo (+11,9%). 
© RIPRODUZIONE RISERVATA

Martedì 10 Gennaio 2017, 15:45






Condividi su Google+ Commenta
<< CHIUDI
CONDIVIDI LA NOTIZIA
Immigrati, curarli è costato 3 milioni ​di euro. Zaia: «Ce li devono ridare»
CONDIVIDI LA NOTIZIA
DIVENTA FAN
SEGUICI SU TWITTER
COMMENTA LA NOTIZIA
5 di 41 commenti presenti
2017-01-11 12:25:28
E' giusto che sia così. Queste persone sono ospitate da voi pertanto vanno curate e sfamate per bene e con il loro lavoro questi futuri itagliani continueranno a pagare le vostre ( più di 600.000 ) pensioni e le loro. Anche perché ormai il processo è irreversibile. Con la fuga dei pochi cervelli dall'itaglia e con il saldo in negativo delle nascite, a breve, tempo qualche decennio, i nuovi itagliani saranno maggioranza e dei vecchi pensionati legaiuol padano veneti e non, rimarrà soltanto il ricordo di qualche commento sgangherato e comico. Un caro saluto a coppppperchione e a enrico 2.....ciao....ciao.
2017-01-10 17:35:19
Giusto così, avete aiutato i più bisognosi e questa è la giusta strada per l'integrazione, altro che pretendere indietro i soldi. Come già detto, il pomata si deve occupare di tiramisù, prosecco doc, dop cip e ciiop e al massimo del radicchio tardivo per il resto, lasci perdere e la smetta di piangere il morto ogni giorno......dai....ciao enrico.
2017-01-10 19:23:12
I vecchi pensionati serenissimi legaiuol padano veneti ( quattro gatti ) si son sfogati con i soliti commenti originali. Dovreste ringraziare coloro che hanno curato questi profughi, futuri itagliani i quali con il loro contributo faranno si che oltre ai già 600.000 pensionati itagliani ai quali pagano le pensioni, altri veneti serenissimi indipendentisti possano usufruire dei contributi versati da queste brave persone che avete ospitato. Trattateli civilmente altrimenti potrete dire addio alle vostre pensioni.....ciao.
2017-01-10 16:05:18
Con tre milioni di barelle se ne comprano parecchie. La coperta e' corta, se la tiro da un lato ... l'altro rimane scoperto.
2017-01-10 15:56:35
vedrete che li restituiscono i 3 milioni e con gli interessi...............e non potevano stare dov'erano .ma ma ma ??????????