Profughi, Zaia risponde ai vescovi:
«Iniziate voi a ospitarli nei seminari»

PER APPROFONDIRE: immigrazione, profughi, vescovi, zaia
Luca Zaia nel condominio che ospitava i profughi a Quinto
TREVISO - «Chi è senza peccato scagli la prima pietra».

Così Luca Zaia, presidente della Regione Veneto, commenta la lettera dei vescovi di Treviso e Vittorio Veneto, rispettivamente mons. Gianfranco Agostino Gardin e mons. Corrado Pizziolo, sull'accoglienza dei profughi perché - come hanno spiegato - è un dovere cristiano.

«I vescovi, che rispetto in quanto cattolico, io li capisco perché il Vangelo predica la compassione, la solidarietà, l'aiutare chi è in difficoltà, ma i cittadini veneti hanno capito che molti di questi che noi aiutiamo come profughi non sono affatto in difficoltà; 2 su 3, infatti, non sono profughi - ha puntualizzato Zaia -. I veneti si chiedono: i vescovi hanno dato tutto quello che potevano dare? I seminari sono tutti pieni di immigrati e di profughi? Gli altri edifici a disposizione dei vescovi non sono più utilizzabili tanto sono pieni di profughi? Proprio non mi risulta».
© RIPRODUZIONE RISERVATA

Venerdì 31 Luglio 2015, 13:20






Condividi su Google+ Commenta
<< CHIUDI
CONDIVIDI LA NOTIZIA
Profughi, Zaia risponde ai vescovi:
«Iniziate voi a ospitarli nei seminari»
CONDIVIDI LA NOTIZIA
DIVENTA FAN
SEGUICI SU TWITTER
COMMENTA LA NOTIZIA
5 di 69 commenti presenti
2015-08-01 14:11:22
E i 6 milioni dei soli richiedenti asilo sono al giorno. Moltiplica il mio dato per 365!
2015-08-01 14:07:44
Le mie cifre sono quelle riportate dal CIR per i richiedenti l'asilo politico. Ho già premesso che non corriposndono al n° dei migranti ed aggiugno clandestini.
2015-08-01 14:06:52
Precisamente.
2015-08-01 12:38:24
Il piano B la Lega lo sta inseguendo invano da decenni, e l'Italia sta diventando sempre più centralista. Oltre tutto un Veneto regione autonoma vedrebbe con molta probabilità aumentare la corruzione politica. Che si debba cambiare la costituzione per ottenere l'indipendenza, scusa, ma non ne vedo la ragione. L'avrebbe se fosse l'Italia a voler renderci indipendenti, cosa impensabile. L'indipendenza non la si chiede, la si dichiara, e la si ottiene solo percorrendo la strada della diplomazia internazionale.
2015-08-01 11:57:15
Nibbio reale?!?!: "Mentre a Roma si discute, Sagunto cade". Se proprio vuoi riportare qualcosa, riportalo almeno correttamente.....