Baracche, cimeli e tanta immondizia. Un esperto per pulire la Marmolada

Baracche, cimeli e tanta immondizia
Un esperto per pulire la Marmolada

di Damiano Tormen

BELLUNO . «Puliamo la Marmolada»: l'operazione è partita. Ieri è andato in scena il sopralluogo aereo del ghiacciaio. Nei prossimi giorni il Comune di Canazei e la Provincia di Trento prepareranno il progetto degli interventi. Poi, nel giro di qualche giorno, verranno mandate le prime squadre a raccogliere tutto quello che sta emergendo dai ghiacci perenni (a dirla tutta non più così perenni)

Un passaggio inevitabile e necessario, per ridare ordine e pulizia al luogo. Ma tutt'altro che facile. Per le condizioni del ghiacciaio, innanzitutto. E anche per la quantità e qualità di ciò che riaffiora dai crepacci lasciati liberi dallo strato bianco. Molti rifiuti, è vero. Ma anche reperti della Prima Guerra Mondiale (visto che proprio sul ghiacciaio correvano le linee di trincea tra il Regno d'Italia e l'impero austrungarico). E magari tra le immondizie potrebbe sbucare anche qualche ordigno bellico inesploso. Quindi, niente volontari: l'operazione di pulizia sarà pianificata e portata avanti da mani esperte...
 
© RIPRODUZIONE RISERVATA

Domenica 13 Agosto 2017, 10:17






Condividi su Google+ Commenta
<< CHIUDI
CONDIVIDI LA NOTIZIA
Baracche, cimeli e tanta immondizia. Un esperto per pulire la Marmolada
CONDIVIDI LA NOTIZIA
DIVENTA FAN
SEGUICI SU TWITTER
COMMENTA LA NOTIZIA
5 di 15 commenti presenti
2017-08-13 10:36:30
Meno male..tanto di allievi scuole alpine di Polizia e Finanza, Carabinieri , Gruppi Guide Alpine ed Esercito ce ne dovrebbero essere a sufficienza. Se poi richiamiamo le varie truppe in "missioni"cui non crede piu' nessuno, dopo anni eD anni..QUI IN ITALY CI SAREBBE MOLTO DA FARE.
2017-08-13 11:19:46
Fin da piccola, i miei m'insegnavano - quando andavamo in montagna, che i rifiuti della gita andavano riportati a casa. Cosi' pure in ogni altra località turistica visitata. Non ho mai dimenticato questi consigli. Ma l'educazione, oggi, è un optional...anzi un dimentical o un ignorantical...Davvero c'è bisogno di orde di turisti cafoni? E chi ne paga i costi ?
2017-08-13 15:49:25
Quelle baracche che affiorano fanno parte della Città di Ghiaccio, che gli Austro-Ungarici costruirono nel 1916, 12 km di tunnel intervallati da caverne adibite a dormitori, cucine, infermerie, sale radio, cappella, mense, scavati nel ventre del ghiacciaio della Marmolada che in alcuni punti superava i 50 metri di spessore.
2017-08-13 11:17:08
altra gente da pagare. ed una cosa che costa dieci te la fanno costare 100 per far vedere che è una cosa importante e difficile da fare. certo che piuttosto che mandarli in sicilia per ripianare i loro debiti è meglio tenerseli qui i soldi, ma dobbiamo proprio buttarli? una domanda sorge spontanea. ma se stanno riaffiorando baracche e postazioni della prima guerra mondiale, cioè di circa 100 anni fa, vuol dire che anche allora il ghiacciaio er dove si trova adesso se non anche più su perchè non penso che abbiano costruito sopra la neve che si forma e si scioglie di continuo.
2017-08-13 13:52:52
Non direi proprio, visto le immagini e le testimonianze dell'epoca.