George Clooney “papà” di un profugo iracheno: «Io e Amal l'abbiamo accolto a casa prima della nascita dei gemelli»

PER APPROFONDIRE: amal alamuddin, george clooney, profugo
Clooney “papà” di un profugo iracheno: «Io e Amal l'abbiamo accolto prima dei gemelli»

di Giacomo Perra

George Clooney non si smentisce mai. Conosciuto in tutto il mondo (anche) per il suo impegno umanitario, l’attore statunitense ha dimostrato ancora una volta di possedere un cuore d’oro. L’interprete di Ocean’s Eleven ha infatti raccontato di aver accolto nella sua abitazione del Kentucky un profugo minorenne iracheno.
 

Il fatto, come spiegato dal buon George, è accaduto precedentemente alla nascita di Ella e Alexander, i due gemelli che il divo ha avuto dall’altrettanto sensibilissima moglie Amal Alamuddin, e ora il giovane iracheno, appartenente alla minoranza yazida, perseguitata dall’Isis, studia all’Università di Chicago.

Conclusasi con il lieto fine, la fuga del minorenne verso gli Stati Uniti era cominciata con un drammatico episodio, l’assalto di un gruppo di jihadisti, resisi poi responsabili dell’uccisione dei due conducenti, ad un autobus della speranza diretto a Mosul. “Lui - ha raccontato Clooney - è riuscito a sopravvivere e ad arrivare in America superando tutti i controlli”.
© RIPRODUZIONE RISERVATA

Giovedì 7 Settembre 2017, 11:38






Condividi su Google+ Commenta
<< CHIUDI
CONDIVIDI LA NOTIZIA
George Clooney “papà” di un profugo iracheno: «Io e Amal l'abbiamo accolto a casa prima della nascita dei gemelli»
CONDIVIDI LA NOTIZIA
DIVENTA FAN
SEGUICI SU TWITTER
COMMENTA LA NOTIZIA
2 di 2 commenti presenti
2017-09-07 18:51:00
Chissa poi cosa c'e' dietro. Al profumo e' andata bene. C'e' il buono e il brutto in ogni razza. Ma nel mezzo ho visto tante canaglie arroganti in queste razze medio-orientali, con un dente avvelenata di odio verso gli occidentali.
2017-09-07 12:24:03
La persona accolta dai signori Clooney e' irachena, quindi trattasi sicuramente di un profugo. Come mai a noi toccano solo nigeriani, marocchini e tunisini che si spacciano per profughi ma vogliono venire in Italia solo per farsi mantenere e possibilmente delinquere?