«Vendico i morti in Siria»: le parole del killer di Strasburgo al tassista dopo l'attentato

PER APPROFONDIRE: attentato, strasburgo, terrorismo
«Vendico i morti in Siria»: le parole del killer di Strasburgo al tassista dopo l'attentato
Cherif Chekatt, presunto attentatore di Strasburgo, ha risparmiato il tassista con cui è fuggito dopo la sparatoria solo perché musulmano praticante. Lo ha raccontato lo stesso tassista, svelando anche che il terrorista gli avrebbe detto di aver «ucciso per vendicare i fratelli morti» in Siria. Lo scrive il quotidiano Le Parisien, citando una testimonianza dell'uomo. Sempre secondo il giornale, Chekatt ha lasciato libero il tassista solo dopo che questi si è professato «musulmano praticante» e rispettoso della «preghiera».

LEGGI ANCHE Antonio Megalizzi, l'italiano con la doppia laurea e la voglia di cambiare l'Europa


Sempre secondo Le Parisien, durante la perquisizione in casa sua, i gendarmi hanno trovato dei lacci in plastica (gli inquirenti hanno ipotizzato che potessero servire per rapine in casa), oltre che un'arma di calibro 22, munizioni, coltelli e la granata già citata nei giorni scorsi. Sul posto, nessuna traccia di affiliazione ad una organizzazione estremistica, come la bandiera nera dell'Isis.
 

Sono stati sequestrati alcuni scritti in arabo, attualmente in corso di analisi, precisa Le Parisien, aggiungendo che il 'modus operandì del killer non lascia dubbi sulla natura terrorista del suo gesto. Gli esami medici e la videosorveglianza mostrano che ha colpito volontariamente le sue vittime alla testa o alla nuca con un revolver di calibro 8 di vecchia fattura. Mentre sarebbero almeno quattro le persone pugnalate.

Il killer avrebbe ricevuto una telefonata dalla Germania immediatamente prima dell'attentato di Strasburgo, lo riferiscono fonti di intelligence citate dall'emittente berlinese RBB. Non è chiaro chi abbia chiamato e perché, riporta l'emittente. Intanto la polizia del Baden-Wuerttemberg, Land vicino alla frontiera francese, ha twittato nella notte che sono proseguite le operazioni di ricerca del presunto attentatore Chérif Chekatt.
© RIPRODUZIONE RISERVATA

Giovedì 13 Dicembre 2018, 08:55






Condividi su Google+ Commenta
<< CHIUDI
CONDIVIDI LA NOTIZIA
«Vendico i morti in Siria»: le parole del killer di Strasburgo al tassista dopo l'attentato
CONDIVIDI LA NOTIZIA
DIVENTA FAN
SEGUICI SU TWITTER
COMMENTA LA NOTIZIA
5 di 24 commenti presenti
2018-12-13 18:16:49
... di troia il cavallo ha trovato secondo avvallo.. cassandra aveva avvisato di non fidarsi dell'acheo ... quando si dice che la storia insegna quel che si vuole imparare..
2018-12-13 14:18:29
e se invece fosse un COMPLICE??? rammento la sfilza di tassisti sikh oltreoceano, un po' inquietanti per europei provinciali
2018-12-13 15:51:11
I sikh complici di questi vigliacchi? Mi sembra un'offesa gratuita, francamente assurda! Molti anni fa un grande vecchio dei sikh, col quale entrai casualmente in confidenza, mi disse: i Sikh sono gente onesta, non ti imbroglieranno mai, puoi fidarti. Mi sono fidato e non ho mai avuto sorprese: solo a Boston un tassista col turbante mi fece fare un giro piu' lungo del dovuto... ma solo per mostrarmi certi posti caratteristici... Mi pare che in India Sick e mussulmani si confrontino addirittura con le armi.
2018-12-13 17:10:38
le guardie sikh avevano appena ucciso la gandhi, era il 1984.... e in italia in pieno terrorismo, veda lei
2018-12-13 16:45:48
Leggere un dizionario o Wikipédia... I sikh non sono musulmani.