Spagna, nuovo attentato con auto: una turista morta, cinque terroristi uccisi a Cambrils, fra loro anche il jihadista della strage di Barcellona

PER APPROFONDIRE: attentato, cambrils, terroristi
Spagna, nuovo attentato con auto: una turista morta, cinque terroristi uccisi a Cambrils, fra loro anche il jihadista della strage di Barcellona

di Mauro Evangelisti

Ancora sangue in Catalogna, dopo l'attentato di ieri pomeriggio sulla Rambla a Barcellona (che ha provocato 13 morti e 100 feriti). Sparatoria nella notte di giovedì a Cambrils, a cento chilometri a sud da Barcellona, nel comprensorio di Tarragona: uccisi cinque terroristi che a bordo di un'Audi 3 hanno travolto un gruppo di turisti ferendono sette: fra questi una donna che è poi è morta in ospedale.  

E poche ore dopo si è appreso, sia pure ancora ufficiosamente, che Moussa Oukabir, il giovane 17enne di origine marocchina considerato il presunto conducente del furgone della strage di Barcellona e considerato in fuga, sarebbe tra i jihadisti uccisi a Cambrils. Lo si apprende da fonti qualificate, secondo le quali si stanno aspettando le analisi biometriche per la conferma ufficiale. I terroristi responsabili dell'attentato tuttora ricercati, stando alle stesse fonti, sarebbero due: Younes Abouyaaqoub e Youseff Aalla.

Secondo una prima ricostruzione del quotidiano La Vanguardia, la sparatoria è avvenuta all'una e trenta della notte, circa otto ore e mezza dopo l'attentato sulla Rambla, a Cambrils, nel Paseo Maritimo, dove la polizia locale ha parlato di un attentato terroristico sventato. Gli attentatori indossavano delle cinture esplosive, poi rivelatesi finte. Nella loro auto, che si è capovolta, sono state trovate asce e coltelli. Quattro dei terroristi sono stati uccisi da un agente, un quinto è stato freddato da un altro poliziotto. 
 

In azione a Cambrils i los Mossos (gli agenti della polizia catalana), molti dei quali in abiti civili.



Mentre su Twitter le forze dell'ordine chiedevano alla popolazione del posto di non uscire di casa, i turisti sono corsi a rifugiarsi negli hotel.

 
© RIPRODUZIONE RISERVATA

Venerdì 18 Agosto 2017, 02:08






Condividi su Google+ Commenta
<< CHIUDI
CONDIVIDI LA NOTIZIA
Spagna, nuovo attentato con auto: una turista morta, cinque terroristi uccisi a Cambrils, fra loro anche il jihadista della strage di Barcellona
CONDIVIDI LA NOTIZIA
DIVENTA FAN
SEGUICI SU TWITTER
COMMENTA LA NOTIZIA
5 di 16 commenti presenti
2017-08-18 17:19:28
Risparmiateci la solfa dei lumini i vari visi dipinti...i je suis...lo stillicidio di fiori...tutto fasullo basta uscire di casa per rendersi conto
2017-08-19 07:20:03
Non e' fasullo. Il terribile e' che ci credono veramente. Si radunano come pecore (offrendo per altro un ghiotto bersaglio) e celebrano il rito del "cordoglio" comune in stile new age. Domani tutto come prima in attesa del prossimo furgone.
2017-08-18 12:04:22
divide et impera! chiudere le frontiere agli islamici. e quelli che abbiamo già dentro devono sapere che al minimo sgarro, anche una cicca buttata a terra, se ne tornano a casa con la loro famigliola. e moschee con guardie armate che sanno l'arabo. animali macellati come ordinano le nostre leggi, starno che gli animalisti tacciano, e ramadan fatto solo a casa loro. morale della favola, fare come hanno fatto con i nostri migranti. o ti adegui alle nostre leggi o te ne vai.
2017-08-18 11:36:19
@ Phoenix, hai detto bene, le scelte sono due, o capiamo o moriamo... se vai a vedere il profilo Facebook del sindaco di Barcellona, la risposta è : moriamo. In Italia c'è un barlume di speranza, se puoi vai a vedere la pagina Facebook dei giovani democratici, del PD... leggi i commenti al loro post su Salvini... c'è ancora speranza. Ciao
2017-08-18 11:27:18
Questa è l'epoca degli invertebrati, guappetti tatuati pieni di droghe che giocano a fare gli uomini ma in realtà sono delle mezze calzette che al primo refolo cadono a terra piangendo e chiamando la mamma, come fanno i calciatori attuali in area di rigore. Le barbette islamiche lo sanno e fanno quello che vogliono. Passano sopra a donne e bambini con furgoni e camion, zigzagando per stritolarne il più possibile...cosa risponde la cosiddetta società civile? Candeline e processioni...