Catalogna, indagati 700 sindaci pro-referendum: chi non va in procura rischia l'arresto

PER APPROFONDIRE: catalogna, spagna
Catalogna, indagati 700 sindaci pro-referendum: chi non va in procura rischia l'arresto
La procura dello stato spagnolo ha dichiarato indagati i circa 700 sindaci catalani, su 948, che si sono schierati per il referendum di autodeterminazione del primo ottobre. Quelli che non si presenteranno in procura quando saranno convocati rischieranno l'arresto.

In una direttiva inviata alle procure catalane il procuratore capo dello stato José Manuel Maza ha ordinato che gli oltre 700 sindaci aderenti all'Associazione dei Municipi per l'indipendenza che appoggiano il referendum siano chiamati ad essere dichiarati «come indagati, assistiti da avvocati». Per coloro che si rifiuteranno di presentarsi, Maza ha ordinato che siano arrestati e tradotti in procura «nel più breve tempo possibile» dalla polizia regionale catalana, i Mossos d'Esquadra, «che agirà come polizia giudiziaria». 

​Vista la grande quantità di nuovi indagati il procuratore generale ha consigliato di iniziare con i sindaci dei comuni più grandi che si sono schierati con il presidente della Generalitat de Catalunya Carles Puigdemont. Per l'organizzazione del referendum di indipendenza. Maza ha sottolineato che i possibili capi di imputazione contro i sindaci sono gli stessi previsti per Puigdemont e i suoi ministri che hanno firmato il decreto di convocazione del referendum, disobbedienza, abuso di potere e presunta malversazione di denaro pubblico, per i quali sono previste pene di carcere fino a otto anni.
© RIPRODUZIONE RISERVATA

Mercoledì 13 Settembre 2017, 14:23






Condividi su Google+ Commenta
<< CHIUDI
CONDIVIDI LA NOTIZIA
Catalogna, indagati 700 sindaci pro-referendum: chi non va in procura rischia l'arresto
CONDIVIDI LA NOTIZIA
DIVENTA FAN
SEGUICI SU TWITTER
COMMENTA LA NOTIZIA
5 di 14 commenti presenti
2017-09-14 10:17:37
## Perfettamente d'accordo con Steyr 95, e' quello che succedera' a noi Veneti. Prima ci provano con le '' buone'',ci mandano nei '' Goulash '' in Basilicata o NovoSibirsk a fighetti secchi,carrube e peperoncini, acqua salata.......e se non basta,ci mandano con l'avallo della Merkel e della UE di Juncker i carri armati come a Praga,come a BudaPest, questi komunisti non si smentiscono MAI !!! Lazzaroni. FREEDOM !!!!!!!!!!!!
2017-09-14 15:06:12
Buono il "goulash" ungherese... I campi di internamento sovietici si chiamavano Gulag acronimo di "Glavnoe upravlenie ispravitelno-trudovych lagerej" ovvero "Direzione principale dei campi di lavoro correttivi" (fonte Wikipedia)
2017-09-14 02:43:35
L'ho sempre detto e pensato. Se i catalani dichiareranno indipendenza si troveranno in piazza i carri armati di Madrid. A questo punto o reagiscono con le armi o si ritirano quieti quieti, alzando bandiera bianca. Alla faccia del diritto internazionale e di chi ci crede ancora.
2017-09-13 21:00:58
... comunque vada onore a questi sindaci ed alle loro idee patriottiche e di autodeterminazione... la mossa della procura si ritorcerà contro la stessa. guai a svegliare il gigante ( popolo ) che dorme..
2017-09-14 15:42:51
Fatto sta che il "gigante " avversario è molto più forte e grosso.