Boeri a Salvini: i dati parlano chiaro, gli immigrati servono per le pensioni. La replica: «Vive su Marte»

PER APPROFONDIRE: boeri, immigrati, inps, pensioni
Boeri: «Pensioni, immigrati necessari. Con la stretta aumentano i clandestini»
Il presidente dell'Inps Tito Boeri torna ad avertire il governo: senza immigrati non si pagano le pensioni. In occasione della Relazione annuale dell'istituto di previdenza alla Camera, Boeri - già sotto attacco da giori dal vice premier Matteo Salvini, che ne ha annunciato in pratica il licenziamento a mezzo stampa - non arretra e anzi torna a lanciare l'allarme sul rischiodi una stretta all'immigrazione regolare. Che avrebbe come effetto quella di far aumentare gli irregolari. Boeri critica poi l'ipoteis di cancellare la legge Fornero e la decisione di introdurre di nuovo le causali sui contratti a tempo.

LEGGI ANCHE Di Maio non segue Salvini: con Boeri lavoreremo bene su vitalizi e pensioni d'oro

Pronta la replica di Matteo Salvini. «Servono più immigrati per pagare le pensioni... cancellare la legge Fornero costa troppo... servono più immigrati per fare i tanti lavori che gli italiani non vogliono più fare...'. Il presidente dell'Inps continua a fare politica, ignorando la voglia di lavorare (e di fare figli) di tantissimi italiani. Dove vive, su Marte?», ha detto il vicepremier e ministro dell'interno. 


Boeri. «Le previsioni sulla spesa indicano che anche innalzando l'età del ritiro, ipotizzando aumenti del tasso di attività delle donne che oggi tendono ad avere tassi di partecipazione al mercato del lavoro più bassi, incrementi plausibili e non scontati della produttività, per mantenere il rapporto tra chi percepisce una pensione e chi lavora su livelli sostenibili è cruciale il numero di immigrati che lavoreranno nel nostro Paese», segnala il presidente dell'Inps nella sua relazione annuale secondo cui «eventuali politiche di recupero della bassa natalità italiana o dei tassi di occupazione femminili e maschili potranno correggere gli squilibri demografici nel lungo periodo ma non potranno da sole arginare la riduzione delle classi di popolazione in età lavorativa prevista per il prossimo ventennio».

 


«Gli italiani sottostimano la quota di popolazione sopra i 65 anni e sovrastimano quella di immigrati e di persone con meno di 14 anni(...). La deviazione fra percezione e realtà è molto più accentuata che altrove. Non sono solo pregiudizi. Si tratta di vera e propria disinformazione», ha sottolineato ancora Boeri. «Il nostro Paese ha bisogno di aumentare l'immigrazione regolare». Sono «tanti i lavori che gli italiani non vogliono più svolgere». Nel lavoro manuale non qualificato ci sono il 36% dei lavoratori stranieri in Italia e l'8% degli italiani.

La storia «ci insegna che quando si pongono forti restrizioni all'immigrazione regolare, aumenta l'immigrazione clandestina e viceversa: in genere, a fronte di una riduzione del 10% dell'immigrazione regolare, quella illegale aumenta dal 3 al 5%», ha continuato Boeri. «In presenza di decreti flussi del tutto irrealistici», sottolinea, la domanda di lavoro immigrato «si riversa sull'immigrazione irregolare di chi arriva in aereo o in macchina, non coi barconi ma coi visti turistici, e rimane in Italia a visto scaduto».

Insomma «per ridurre l'immigrazione clandestina il nostro Paese ha bisogno di aumentare quella regolare», ha insistito Boeri che rileva come la «forte domanda di lavoro immigrato in Italia» si riversi di fatto «sull'immigrazione irregolare degli overstayer, di chi arriva in aereo o in macchina, non coi barconi ma coi visti turistici, e rimane in Italia a visto scaduto» alimentata «da decreti flussi del tutto irrealistici».

Boeri ha ricordato come negli Stati Uniti il boom degli illegali sia cominciato nel '64 quando è stato chiuso il Bracero program e come il fenomeno sia invece iniziato a calare «quando ha cominciato a essere pienamente messo in atto l'Immigration Reform and Control Act, che ha regolarizzato milioni di lavoratori messicani».

E la domanda di lavoro immigrato in Italia «è forte» perché, ha proseguito, sono «tanti i lavori per i quali non si trovano lavoratori alle condizioni che le famiglie possono permettersi nell'assistenza alle persone non-autosufficienti. Tanti i lavori che gli italiani non vogliono più svolgere». A cominciare dai lavori domestici. «La domanda di colf e badanti delle famiglie italiane è in costante aumento alla luce anche dell'incremento tendenziale del numero di persone non-autosufficienti. Tuttavia, in mancanza di decreti flussi con quote per colf e badanti, l'ultimo nel 2011, il numero di lavoratori domestici extra-comunitari iscritti alla gestione Inps tende inesorabilmente a ridursi, non compensato (o compensato in minima parte) dall'aumento dei lavoratori comunitari o italiani che non hanno problemi coi visti. Ma non appena c'è un provvedimento di regolarizzazione del lavoro nero (come nel 2008-9 o nel 2012), il numero di colf e badanti extracomunitarie si impenna, a dimostrazione del fatto che questi lavori continuano a essere richiesti, ma vengono svolti senza versare i contributi sociali».

«Il declino demografico è un problema molto più vicino nel tempo di quanto si ritenga», ha detto ancora Boeri. Inoltre, ha aggiunto, «dimezzando i flussi migratori in cinque anni perderemmo una popolazione equivalente a quella odierna di Torino». E «azzerando l'immigrazione, secondo le stime di Eurostat, perderemmo 700.000 persone con meno di 34 anni nell'arco di una legislatura».


No a cancellazione legge Fornero. «Tornare indietro del tutto» dalla legge Fornero «non è possibile»: le persone che hanno subito «gli effetti più dirompenti di quella riforma» si sentirebbero «beffate, a partire dalle donne», ha poi sottolineato il presidente dell'Inps, aggiungendo come anche i costi del ripristino in toto o in parte delle pensioni di anzianità allora vigenti sarebbero «molto elevati». Non solo, avverte, si innescherebbe anche un circolo vizioso che
porterebbe a ridurre l'occupazione. «Possiamo tuttavia permetterci una maggiore flessibilità», spiega. E ciò, sottolinea, «accelerando la transizione al metodo contributivo».

«Quota 100 pura costa fino a 20 miliardi all'anno, quota 100 con 64 anni minimi di età costa fino a 18 che si riducono a 16 alzando il requisito anagrafico a 65 anni, quota 100 con 64 anni minimi di età e il mantenimento della legislazione vigente per quanto riguarda i requisiti di anzianità contributiva indipendenti dall'età costa fino a 8
miliardi», ha poi stimato Boeri. «Ripristinando le pensioni di anzianità con quota 100 (o 41 anni di contributi) si avrebbero subito circa 750.000 pensionati in più».

«Non si vedono ragioni per tagliare le pensioni per il solo fatto di avere un importo elevato. Non esistono pensioni d'oro, d'argento o di bronzo», ha poi sottolineato il presidente dell'Inps. «La filosofia degli interventi - ha spiegato - dovrebbe essere sempre quella di ridurre le differenze di trattamento tra lavoratori di una stessa generazione oltre che tra generazioni diverse». Per Boeri invece esiste una componente delle pensioni che consiste in un «privilegio», in genere «stabilita in modo arbitrario» e slegata dai contributi versati. 

«I titolari di cariche elettive vanno trattati come tutti gli altri lavoratori, limando la componente di privilegio delle loro pensioni in modo coerente con quanto si intende fare per gli altri lavoratori» e lo stesso «trattamento andrebbe riservato ai sindacalisti che, come abbiamo più volte sottolineato, hanno sin qui goduto di condizioni di favore», ha proseguito Boeri. «Per togliere questo privilegio - ha puntualizzato - non c'è bisogno di una legge: basta solo il nulla-osta del ministero alla circolare che abbiamo proposto un anno fa».

«La storia recente dei giovani nel nostro Paese è una storia di inesorabili revisioni al ribasso delle loro aspettative. Fra queste delusioni anche quella di ritrovarsi sempre, quale che sia l'esito del voto, con governi che propongono interventi a favore dei pensionati», ha sostenuto poi Boeri.

No alle causali nei contratti a tempo. «Cinque proroghe dello stesso contratto sono troppe perché consentono un periodo di prova praticamente di tre anni», ma «non si vede perché reintrodurre le causali sui contratti a tempo determinato, che comportano un forte appesantimento burocratico, scoraggiando la creazione di lavoro soprattutto nelle piccole imprese», ha avvertito ancora il presidente dell'Inps.

«Se lo scopo è quello di favorire la conversione dei contratti a tempo determinati in contratti a tempo indeterminato non si vede poi perché aumentare i costi per entrambe le tipologie di contratti. Il rischio è di trovarsi con meno lavoro e della stessa qualità (primato delle assunzioni a termine)», ha aggiunto Boeri.


Sì al salario minimo. «Il nuovo Governo sembra intenzionato a introdurre un salario minimo orario», una misura che «avrebbe il doppio vantaggio di favorire il decentramento della contrattazione e ridurre la povertà fra chi lavora», ha affermato ancora Boeri.

La replica di Boeri. «Nessuno mette in discussione», secondo Boeri, il principio che l'Inps deve fare l'Inps come ha detto il vicepremier Luigi Di Maio. «Noi facciamo un'attività di supporto, applichiamo la legge ma nel momento in cui vengono discusse delle questioni di rilevanza per il nostro istituto e per i giovani chiaramente diciamo la nostra», ha sottolineato Boeri a margine della presentazione della relazione annuale. «Poi - ha aggiunto - quando il governo e il parlamento decidono noi ci mettiamo pancia a terra ad applicare le leggi».

«I dati sono la risposta migliore e non c'è modo di intimidirli», ha poi risposto il presidente dell'Inps ai giornalisti che gli chiedono se si senta sotto sfratto dopo le dichiarazioni di Salvini. «La mia risposta - ha aggiunto - è nei dati e i dati parlano. Oggi presentiamo quella che è la verità che bisogna dire in Italia».

«Se tagliamo il numero di immigrati regolari e abbiamo questo calo delle nascite, noi abbiamo dei seri problemi nel finanziamento del nostro sistema di protezione sociale e pensionistico. Questa è una verità incontrovertibile», ha ribadito ancora Boeri, intervenendo alla Conferenza nazionale dei servizi della Cisl. «I dati dicono questo e con questi dati bisogna avere a che fare. Allora - ha proseguito - io credo che sarebbe interesse di tutti, a partire dalla classe politica, da chi oggi ha in mano le leve del governo, dare informazioni giuste ai cittadini, perché quando poi si dovranno fare le scelte che la demografia ci impone i cittadini devono poter capire perché si fanno queste scelte».

«Mi limito a fare il mio lavoro. Il mio mandato, come sapete, finisce a inizio 2019 e ci sono ancora tantissime cose da fare. In sei mesi possiamo fare ancora tante cose», ha sottolineato ancora Boeri.



 
© RIPRODUZIONE RISERVATA

Mercoledì 4 Luglio 2018, 11:24






Condividi su Google+ Commenta
<< CHIUDI
CONDIVIDI LA NOTIZIA
Boeri a Salvini: i dati parlano chiaro, gli immigrati servono per le pensioni. La replica: «Vive su Marte»
CONDIVIDI LA NOTIZIA
VIDEO
DIVENTA FAN
SEGUICI SU TWITTER
COMMENTA LA NOTIZIA
5 di 54 commenti presenti
2018-07-05 09:51:57
posso capire che uno guarda al suo ente "INPS"e vede tutto il positivo e l'attivo di milioni di contributi pero' bisognerebbe fare il "bilancio globale":quanto costano a "salvarli" [ministero difesa] "arrestarli" (che sono anche delinquenti, spacciatori, terroristi) [ministero degli interni]processarli pure difenderli [ministero giustizia e avvocati d'ufficio"gratuiti"] mantenerli in galera, risarcire le vittime? anche no? "curarli" (anche quando si feriscono o vengono feriti delinquendo) poi ci facciamo anche la figura dei .... se li prendiamo o dei rassisti se li respingiamo.( e anche rimpatriarli "costano") poi? danni "collaterali" causati dai volontari magna-magna [cinque miliardi all'anno per "sfamare, vestire e far divertire (magari in villa con tanto di piscina)"
2018-07-05 09:05:11
E' arcinoto che la maggior parte degli immigrati irregolari, in particolare provenienti dall'Africa e dai Paesi dell'Est, si dedicano allo spaccio di droga, alle rapine nelle abitazioni etc. etc.....Il Sig. Boeri ne decanta i vantaggi portati dagli immigrati quando constatiamo giorno x giorno i danni materiali ed immateriali arrecati agli Italiani. Forse il Sig. Boeri non legge i giornali tantomeno ascolta i vari telegiornali. Sarebbe auspicabile che il Ministero degli Interni dia un resoconto dettagliato dei crimini commessi dagli immigrati con indicazione del Paese d'origine. sono immensi
2018-07-05 08:33:13
Boeri confonde i cavoli con le mele. NON servono immigrati, servono lavoratori. Se vale il principio che gli immigrati effettuano i lavori che gli italiani non svolgono e' perche' sono sottopagati. Quale massa di contributi pensionistici puo' arrivare da questi lavoratori ? E, nel bilancio di uno stato, contributi a parte, quanto consumano in termini di servizi (scuola, sanita' infrastrutture, etc) rispetto a quanto apportano ?
2018-07-05 12:19:07
Da altre fonti citavano 11 miliardi versati all'INPS da stranieri. Che sarebbero circa il 6% rispetto agli oltre 170 versati complessivamente. Come popolazione residente gli stranieri sono circa il 10% del totale...
2018-07-05 06:57:33
Boeri non e' che vive su marte Boeri guadagna 110 mila euro l'anno(presto avra' anche una buona uscita milionaria) e di conseguenza non gli puo fregare di meno di chi paghera' le pensioni tra 20 anni.... i suoi discorsi sono solo supposizioni buttate li per far vedere che fa qualcosa!!!In 30 anni I sporlitici/amministratori hanno magnato tutto.... e ora, per pagare le pensioni e non solo, l'italia si indebita sempre di piu'!!!Oramai per leggere il debito pubblico italiano in numeri serve un consulente Ragioniere!!!