Un tetto per Reddito e quota 100: tagli automatici ai sussidi e finestre più lunghe se troppe domande pensione

PER APPROFONDIRE: manovra, pensioni, reddito, taglio, tetto
Un tetto per Reddito e quota 100: "tetti" automatici per tagliare la spesa

di Andrea Bassi

ROMA Due clausole di salvaguardia, due tetti automatici per tenere sotto controllo la spesa della riforma «Quota 100» delle pensioni e per il Reddito di cittadinanza. È la carta che il governo ha deciso di giocare nella trattativa per convincere la Commissione europea che le due misure “bandiera” di Lega e Movimento Cinque Stelle non faranno deragliare, nemmeno nei prossimi anni, i conti pubblici. Le clausole si accompagneranno ad un taglio di 3-3,5 miliardi dei 16 miliardi stanziati nel maxi fondo per il finanziamento dei due provvedimenti. La cifra non è ancora stata completamente definita, anche perché il Reddito, a differenza della riforma delle pensioni, ha qualche difficoltà in più a far quadrare i conti senza intaccare sostanzialmente le platee e l’ammontare del sussidio. La riforma «Quota 100», che permetterà dal prossimo anno di lasciare il lavoro con 62 anni di età, avendo versato contributi per almeno 38 anni, avrà una dote iniziale di 5 miliardi contro i 6,7 miliardi indicati fino ad oggi. Il fondo lieviterà a 7 miliardi nel 2019 per salire a 9 miliardi nel 2020. 
Poi «Quota 100» si estinguerà per lasciare il posto al pensionamento con 41 anni di contributi. Ma come funzionerà la clausola di salvaguardia?

IL MECCANISMO
La riforma messa a punto dal sottosegretario al lavoro, Claudio Durigon, prevede delle finestre trimestrali per poter lasciare il lavoro. Significa che chi ha maturato i requisiti entro il 31 dicembre del 2018, potrà uscire a marzo del 2019, incassando il primo assegno ad aprile. Per i dipendenti pubblici si aggiunge un preavviso di 6 mesi, quindi il primo statale incasserà la pensione ad ottobre. 

Nella relazione tecnica che accompagna il provvedimento sarà ipotizzato un andamento possibile delle domande di pensionamento. Se però agli sportelli dell’Inps dovessero arrivare più richieste di quelle preventivate, allora la finestra di uscita potrà essere allungata in modo da rispettare l’impegno di spesa preso nella manovra. Insomma, se a giugno si scoprisse che i prepensionati sono più di quelli indicati nella relazione tecnica, la finestra potrebbe essere spostata, per esempio, a settembre. E lo stesso meccanismo verrebbe usato anche nel caso degli statali.

Nel caso del Reddito di cittadinanza, invece, lo stanziamento definitivo che verrà indicato nella manovra, agirà come una sorta di tetto, nel senso che se dovessero arrivare nuove domande una volta esauriti i fondi (e sempre che questi siano effettivamente utilizzati), non avranno seguito fin quando non si libereranno spazi. In questo modo il Reddito diventerebbe una sorta di fondo a rotazione: man mano che dei beneficiari trovano lavoro altri avrebbero accesso. Per il Reddito il problema resta che i risparmi, rispetto al fondo stanziato, restano contenuti, circa un miliardo di euro. Nel primo anno i fondi per il Reddito sarebbero di circa 4,7 miliardi, ai quali vanno aggiunti i 2,2 miliardi che saranno recuperati dal Rei (il Reddito di inclusione introdotto dal governo Gentiloni) e il miliardo per la riforma dei Centri per l’impiego. A conti fatti, dunque, al posto dei 9 miliardi oggi inseriti nella legge di Bilancio, si scenderebbe a 7,9 miliardi. Dalle due misure principali, dunque, il governo riuscirà probabilmente a limare due decimali il deficit. Ne mancherebbero, almeno secondo le richieste della Commissione europea, almeno altri tre che dovrebbero arrivare da tagli di spesa (come l’indicizzazione all’Isee delle pensioni sociali) e dallo spostamento di una parte degli investimenti verso voci che Bruxelles tiene fuori dal deficit, come il dissesto idrogeologico. Gli ultimi dettagli dovrebbero essere definiti oggi nel vertice di maggioranza che precederà le comunicazioni di domani del presidente del Consiglio Giuseppe Conte al Parlamento. Il giorno dopo, mercoledì, il premier vedrà Jean Claude Juncker al quale consegnerà la proposta italiana. 
© RIPRODUZIONE RISERVATA

Lunedì 10 Dicembre 2018, 00:05






Condividi su Google+ Commenta
<< CHIUDI
CONDIVIDI LA NOTIZIA
Un tetto per Reddito e quota 100: tagli automatici ai sussidi e finestre più lunghe se troppe domande pensione
CONDIVIDI LA NOTIZIA
DIVENTA FAN
SEGUICI SU TWITTER
COMMENTA LA NOTIZIA
5 di 6 commenti presenti
2018-12-13 10:28:58
lode al ministro tria che deve sopportare le richieste di alcuni analfabeti di economia che per mantenere delle promesse assurde stanno mandando in stallo l'economia italiana
2018-12-11 10:19:25
salvini e di maio sparlano di politica e nel frattempo gli Italiani che conoscono l'economia e la finanza, hanno trasferito negli ultimi mesi 11 miliardi di euro nelle banche Svizzere. Avanti così gialloverdi a testa bassa senza curarvi di euro e di lavoro, questo chiedono i vostri elettori, il fallimento ancora una volta dell'economia Italiana. Per la serie muoia Sansone con tutti i Filistei. Che goduria!
2018-12-10 14:31:52
Ragazzi! Questa non è politica a favore del popolo italiano, questa è confusione mentale vera e propria, per non dire altro.
2018-12-10 12:27:18
Lolti andranno in pensione con la legge attuale, avendo ancora figli e parenti da mantenere. Altri ci andranno in quanto la decurtazione equivale a quanto spendono di trasporti e pasti fuori casa..e tempo non pagato passato per strada.Magari poi rinunciano anche ad assicurazione per infortuni...responsabilita' civile..e ci stanno dentro. Con boschi da ripulire alla svelta e muretti a secco da restaurare il reddito di cittadinanza si ridurrebbe ad assegno per frequenza relativo al periodo di corso formativo...a spron battente.
2018-12-10 08:41:08
Cosa ci si deve inventare per far finta di accontentare i propri elettori..., ma la Fornero non doveva scomparire?...