Calenda: «Priorità taglio delle tasse alle imprese, non l'Irpef»

PER APPROFONDIRE: carlo calenda, fisco, tasse
Calenda: «Priorità taglio delle tasse alle imprese, non l'Irpef»
«La priorità è abbattere il carico fiscale sulle imprese, che costa immensamente meno rispetto al taglio dell'Irpef». Così il ministro dello Sviluppo economico, Carlo Calenda, intervenendo all'assemblea annuale di Confesercenti. «La diminuzione delle tasse deve essere una diminuzione delle tasse sulle imprese e non generalizzata», ha spiegato raccogliendo l'applauso della platea. Anche perché, ha aggiunto, «non siamo in grado di fare un taglio gigantesco sull'Irpef», che sarebbe «la via maestra».
© RIPRODUZIONE RISERVATA

Luned├Č 19 Giugno 2017, 13:27






Condividi su Google+ Commenta
<< CHIUDI
CONDIVIDI LA NOTIZIA
Calenda: «Priorità taglio delle tasse alle imprese, non l'Irpef»
CONDIVIDI LA NOTIZIA
DIVENTA FAN
SEGUICI SU TWITTER
COMMENTA LA NOTIZIA
5 di 5 commenti presenti
2017-06-20 08:46:25
Avete fatto proprio una bella azione voi del Governo, a guida Pd, a ripristinare i voucher. Prima sono stati soppressi per paura del Referendum poi li avete rimessi. Gentile Ministro non ci si comporta in questo modo, i Lavoratori e i tutti Cittadini meritano un comportamento diverso.
2017-06-19 20:18:53
Tagliare le tasse e aumentare gli investimeti pubblici sono due iniziative che non concordano. Tagliare le spese e ridurre le tasse credo concordino. Per poter disporre di denaro per interventi pubblici significa mettere le mani nelle tasche dei cittadini. Speriamo che questa volta le mani le mettiate nelle tasche di chi le ha piene!
2017-06-19 17:54:41
Per altro il taglio di tasse all'imprese si risolve in genere in un AUMENTO dei loro utili senza particolari benefici ne sui lavoratori (aumento stipendi) ne sull'occupazione. Poi, ovviamente, gli utili delle imprese vengono sempre privatizzati.Le perdite vengono scaricate sui contribuenti.
2017-06-19 17:36:49
Ognuno che sale in cattedra spara sentenze, naturalmente senza esito o con esito negativo. Il fatto e' che per attirare investitori l'Italia deve ridurre il debito pubblico e risanare il bilancio. Finche' si pagano 880 mila euro/anno di vitalizio a Napolitano e diversi altri politici mangiasoldi, il debito aumenta e la fiducia nel paese cala. E' naturale. Bisogna tagliare le esagerazioni che politica e governanti si sono accaparrati in forma piu' o meno banditesca. Altre soluzioni miracolistiche si vedono solo nei film.
2017-06-19 13:43:16
dalla faccia si vede che questo ha capito tutto.......