Bonus bebè in arrivo: ecco in quanto consiste e a quali famiglie spetta

PER APPROFONDIRE: bonus bebè, manovra
Bonus bebè in arrivo: ecco in quanto consiste e a quali famiglie spetta
L'ultima Legge di Bilancio rinnova la misura destinata alle famiglie aventi Isee inferiore ai 25mila euro annui. Bonus bebè quindi confermato ancora per un altro anno: 80 euro al mese ai bambini nati nel 2018. Il cosiddetto "assegno di natalità", a differenza del 2017, sarà concesso soltanto fino al primo anno di vita del bambino, nato o adottato nel 2018, e non più per 36 mesi.

La misura, quindi, non risulta più stabilizzata ma resta il budget totale per il 2018 pari a 185 milioni. L'assegno annuale avrà un importo di 960 euro, da corrispondersi in rate mensili, e verrà concesso a condizione che il nucleo familiare abbia un Isee non superiore ai 25mila euro annui.

Se il reddito familiare scende sotto i 7mila euro annui, invece, l'importo annuale dell'assegno sarà raddoppiato. Si stima che la norma riguarderà circa 280mila famiglienel 2018, il 50% con Isee non superiore a 7mila euro e il 50% con Isee compreso tra 7mila e 25mila euro.  

 
© RIPRODUZIONE RISERVATA

Lunedì 1 Gennaio 2018, 21:12






Condividi su Google+ Commenta
<< CHIUDI
CONDIVIDI LA NOTIZIA
Bonus bebè in arrivo: ecco in quanto consiste e a quali famiglie spetta
CONDIVIDI LA NOTIZIA
DIVENTA FAN
SEGUICI SU TWITTER
COMMENTA LA NOTIZIA
1 di 1 commenti presenti
2018-01-07 21:04:37
praticamente a due giovani trentenni che entrambi lavorano non spetta nulla. lo stato non esiste per una parte del paese.cioè quella che si fa un mazzo.le tasse universitarie me le sono pagate, se devo fare qualche analisi in ospedale pago il ticket.per il mutuo uguale lo stato non esiste.io voto casapound il 4 marzo ha un programma sul sociale e famiglia che non esclude nessuno.gli altri partiti hanno massacrato la classe media è ora che la classe media si svegli tartassata dalle tasse e spazzi via i partiti tradizionali che si sono venduti. io mi sono rotto di pagare sempre per gli altri e non avere nulla indietro. manco la pensione avremo noi trentenni. se un domani non ho la pensione allora non dovrei dare nulla all'inps e a 70 anni mi arrangio.con i soldi che ho messo da parte. non vi rendete conto ma ormai sarà un tutti contro tutti, giovani contro vecchi basta vedere i sondaggi divisi per fasce d'età. paese spaccato serve un partito che unisca tutti.per quello voto casapound, i 5 stelle sono per i giovani, pd e berlusconi con i pensionati.questi dovrebbero tenere unito il paese.