Bankitalia, allarme recessione. Visco: «Senza riforme l'Italia andrà peggio»

PER APPROFONDIRE: bankitalia, italia, visco
Bankitalia, allarme recessione. Visco: «Senza riforme l'Italia andrà peggio»
Le prospettive dell'economia italiana «sono oggi meno favorevoli di un anno fa. Sono gravate dal rischio al ribasso che hanno in parte origine estera, ma che continuano a riflettere in misura significativa le debolezze del nostro Paese». Lo dice il governatore della Banca d'Italia, Ignazio Visco, nel suo intervento al 25esimo Congresso Assiom Forex in corso a Roma, indicando tra queste debolezze «in primo luogo l'incertezza sulla crescita, oltre che sull'orientamento della politica di bilancio e sulla ripresa di un percorso credibile di riduzione del peso del debito pubblico sull'economia».

Autonomia, lo Spacca-Italia che svuota Roma: 21 miliardi alle Regioni del Nord e trasloco per gli statali


La politica monetaria decisa dalla Bce da sola non basta: per «poter fruire appieno dei benefici derivanti dalle condizioni espansive» è necessario «il contributo delle riforme volte a ridurre le debolezze strutturali della nostra economia, debolezze che accentuano le difficoltà congiunturali». «Occorrono progressi decisi - spiega Visco - nella creazione di un ambiente più favorevole all'innovazione e all'attività d'impresa, va incentivata la partecipazione al mercato del lavoro, innalzata la qualità del capitale umano, aumentata l'efficienza dei servizi pubblici. Dal 1999 il tasso di crescita annuo dell'economia italiana è risultato in media inferiore di un punto a quello dell'area dell'euro. In assenza di risultati consistenti sul piano strutturale, quelli che a livello internazionale sono rallentamenti di natura congiunturale tendono da noi a trasformarsi in un ristagno o in un calo dell'attività produttiva», conclude Visco.

«Un'uscita senza accordo del Regno Unito dall'Unione europea può avere conseguenze pesanti, anche se gli effetti diretti legati all'interscambio commerciale, gravi per il Regno Unito, potrebbero essere contenuti per l'Italia e per il complesso dei paesi dell'Unione», continua Visco. «Eventuali malfunzionamenti dei mercati finanziari potrebbero avere ricadute di rilievo per tutti i paesi coinvolti. A questo aspetto si sta prestando massima attenzione», aggiunge Visco.
© RIPRODUZIONE RISERVATA

Sabato 2 Febbraio 2019, 12:18






Condividi su Google+ Commenta
<< CHIUDI
CONDIVIDI LA NOTIZIA
Bankitalia, allarme recessione. Visco: «Senza riforme l'Italia andrà peggio»
CONDIVIDI LA NOTIZIA
DIVENTA FAN
SEGUICI SU TWITTER
COMMENTA LA NOTIZIA
5 di 22 commenti presenti
2019-02-03 14:33:16
Attenzione ragazzi, siamo in mano a dei puffi, per non dire qualche cos'altro. Certamente il rischio di poverta' per noi gente normale e' elevato e personalmente credo purtroppo che questo governo di illusionisti ci stia portando rapidamente sul precipizio. Riflettiamoci sopra.
2019-02-04 00:39:15
E' lei che deve riflettere sul come mai le riforme si dovrebbero fare subito, ora, al massimo domani. Gli altri, ai quali anche lei appartiene, evidentemente non se ne sono accorti fino al 4 marzo.
2019-02-03 14:19:42
Senza piddini sfitalia può andare solo meglio
2019-02-03 11:23:52
Calma e gesso, adesso arriva Savona, e vedrete che tutto si metterà a posto e il 2019 sarà un anno meraviglioso, diamogli ancora 5 mesi di tempo come ha detto Giuseppe.
2019-02-02 17:19:58
Benissimo tutto come previsto.